Nureyev - The White Crow

Regia: Ralph Fiennes

Genere: Biografico

Anno: 2018

Con: Oleg Ivenko, Adèle Exarchopoulos, Chulpan Khamatova, Ralph Fiennes, Aleksej Morozov, Raphael Personnaz, Olivier Rabourdin, Louis Hofmann, Sergei Polunin, Yves Heck

La vita del leggendario ballerino Rudolf Nureyev, dall'infanzia sofferta nella gelida città sovietica di Ufa, fino a divenire ballerino nella scuola che ha frequentato a Leningrado. Incontenibile e ribelle, a soli 22 anni entra a far parte della rinomata Kirov Ballet Company, con la quale va a Parigi nel 1961, nel suo primo viaggio al di fuori dellUnione Sovietica. Gli ufficiali del KGB, però, lo marcano stretto, diffidando enormemente del suo comportamento anticonformista e della sua amicizia con la giovane parigina Clara Saint. Le intemperanze avranno conseguenze drammatiche, il ballerino non potrà andare a Londra con la compagnia e dovrà essere immediatamente rimpatriato. I superiori di Nureyev gli comunicano che deve assolutamente tornare in patria per esibirsi al Cremlino ma lui comprende che sta pagando caro il prezzo della sua libertà nella capitale parigina. Ralph Fiennes oltre a dirigere il suo terzo film, si ritaglia il ruolo di Alexander Pushkin, famoso maestro russo di ballo, maestro anche di Mikhail Baryshnikov. L'autenticità è la chiave del suo lavoro da regista, che per questo film ha voluto utilizzare ballerini e attori russi e farli parlare tra loro in russo. Fin dall'inizio, Ralph ha voluto fermamente che i dialoghi fossero in russo", spiega David Hare, lo sceneggiatore, inoltre lui è davvero l'attore occidentale più amato in Russia. Se percorri una strada a Mosca o a San Pietroburgo con Ralph, è come camminare con una stella di Bollywood a Mumbai. Lo amano da impazzire. Il motivo per cui i russi lo amano è che sanno che è l'unico attore famoso al mondo che è interessato alla Russia. Parla russo, si impegna a fare lavori in Russia e ad essere il più autentico possibile nei suoi film. A lui sembrava completamente ridicolo avere degli attori inglesi e farli parlare con accento russo". Trovare il suo Nureyev è stata la prima grande sfida di Fiennes. Alla fine per interpretare il grande danzatore è stato scelto il giovane e fiero Oleg Ivenko, ballerino ucraino della compagnia Tartar State Ballet.