Domenica 06 luglio 2014

Blitz e sigilli alla Schiranna

Sotto sequestro 50 cani

Sigilli al ricovero per cani “Occhi struggenti” di via Al Gerett, alla Schiranna: carabinieri e guardie zoofile hanno fatto scattare l’operazione ieri mattina.

I cani, in tutto cinquanta, sono stati tutti allontanati dalla struttura gestita da Stefano Castagnetti e sono stati trasferiti e accolti nei canili di Gallarate e Cittiglio.

Castagnetti è indagato per maltrattamenti su animali. Le contestazioni mosse dal pubblico ministero di Varese Sara Arduini riguardano in particolare le condizioni igienico sanitarie in cui gli animali erano tenuti.

Il pm ha chiesto e ottenuto un decreto di sequestro per gli animali e la struttura firmati dal giudice per le indagini preliminari Stefano Sala.

Castagnetti ieri mattina era sotto choc: «Non so davvero spiegarmi l’accaduto - raccontava - Voglio bene a tutti i miei cani. Conosco la storia di ciascuno di loro. Questo è un ricovero al quale sia i privati che le associazioni si sono sempre rivolti. Abbiamo accolto cani malati e cani malnutriti. Cani che venivano tolti ai canili lager. E li abbiamo amati tutti».

Castagnetti spiega: «Suppongo che la magistratura si sia mossa sulla base di una segnalazione. Sulla base di una denuncia. Non so però chi abbia presentato le carte - diceva ieri mattina davanti alla piccola folla di persone che spontaneamente hanno raggiunto la Schiranna - Non i vicini, non ho mai avuto lamentele. Forse qualche ente».

Castagnetti pensa ai cani: «Ora sono rinchiusi in gabbie - raccontava - Qui invece erano liberi. Paradossalmente una delle contestazioni riguarda proprio l’assenza di gabbie. Ma non è meglio che non siano rinchiusi?».

© riproduzione riservata

Commenti (0) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito. I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati. Accedi per commentare