Mercoledì 26 Febbraio 2014

Con 24mila angeli il dono

del sangue è davvero per tutti

La provincia di Varese dona il sangue con Avis. In provincia, nel 2012, i 24.503 donatori attivi hanno garantito 37.220 donazioni di sangue intero, 6.342 di plasma e 1.326 di altre componenti.

L’Associazione Volontari Italiani del Sangue, sorta nel 1927 con 17 donatori, oggi conta un milione e centomila iscritti in tutto il Paese. Anche Varese ha una sua Avis provinciale che opera per garantire un’adeguata disponibilità di sangue e dei suoi componenti a tutti i pazienti che ne hanno necessità, attraverso la promozione del dono, la chiamata dei donatori e la raccolta di sangue.

Chi non può donare «può diventare socio collaboratore attivo, entrando per esempio a far parte del direttivo dell’associazione, oppure collaborare nell’organizzazione degli eventi» spiega Giampiero Badanai, presidente provinciale di Avis. In Provincia ci sono 43 Avis comunali, e circa 700 dirigenti Avis comunali impegnati sul territorio provinciale.

Esiste anche «la sovracomunale del Medio Varesotto, riferimento per 23 comuni». Attiva da oltre un decennio, «è una delle poche in Italia che, fra le altre cose, gestisce la chiamata selettiva dei donatori di quelle comunali che effettuano la donazione al centro trasfusionale del Circolo». Le necessità di sangue, infatti, non è sempre la stessa. «Non sono necessari tutti i gruppi sanguigni in tutti i momenti, perciò questa gestione puntuale permette di chiamare solo quando serve».

(Il servizio completo su La Provincia di Varese in edicola mercoledì 26 febbraio)

© riproduzione riservata