Mercoledì 05 Novembre 2008

Il cimitero di Castellanza
tormentato dagli incivili

CASTELLANZA (var) «Non si può parlare di degrado per il cimitero di Castellanza». Guido Zampini assessore ai lavori pubblici del Comune, risponde alle accuse che erano state indirizzate da alcuni cittadini, uno in particolare, all’amministrazione sullo «stato di degrado» del cimitero cittadino nei giorni delle festività dei Morti.

<Certo - spiega l’assessore -, alcuni interventi di manutenzione straordinaria non sono ancora stati avviati, ma sono in programma e vedremo di farli rientrare nelle nostre priorità, ma parlare di degrado è decisamente eccessivo, soprattutto dopo i lavori che abbiamo da poco terminato». Zampini si riferisce ai nuovi tre bagni, inaugurati proprio la scorsa settimana. Questi ultimi sono stati rifatti completamente, con i vasi al posto delle turche, scarichi automatici, fotocellule e nuovi lavandini. Sono state inoltre ristrutturati i muri di due lapidi di grandi dimensioni e altre sono in programma. Per la festività dei Morti l’amministrazione castellanzese ha sistemato vasi di crisantemi nell’ingresso principale del cimitero e in altri viali. Uno spreco inutile, secondo il cittadino, che aveva accusato l’amministrazione di pensare solo all’immagine: «Non è di certo per l’immagine che li abbiamo messi - ribatte Zampini - ma per abbellire e rendere più allegro il cimitero nei giorni di festa. Abbiamo anche piantumato nuove piante che rimarranno».

Sullo stato di alcuni  loculi, alla destra dell’ascensore in fondo al cimitero, che perdono acqua a causa delle numerose infiltrazioni - «bisogna aprire l’ombrello per stare vicino ai propri cari», aveva sottolineato un cittadino -  l’assessore promette: «E’ nel programma di intervento, ma adesso che ci sono stati segnalati questi disagi, cercheremo di accelerare i tempi e di inserirli tra le priorità». Riguardo ai lavandini del cimitero, sempre intasati, e i rifiuti a volte gettati nelle zone  di confine dietro le tombe commenta: «Non mi risulta, ma in questo caso ci si mette l’inciviltà della gente». Poi i topi: «Vedremo di porre un rimedio accontentando  tutti - risponde Zampini -  magari con interventi di derattizzazione». Sul mistero del locale dell’ex custode lasciato inutilizzato, ribadisce: «I tempi cambiano e la figura del custode non c’è più ». Zampini rivolge poi un appello alla cittadinanza: «La gestione del cimitero è affidata a Castellanza Servizi, per qualsiasi segnalazione o polemica chiediamo ai cittadini di rivolgersi direttamente  alla società». Nel programma di intervento 2009-2010, annuncia l’assessore, è previsto anche l’ampliamento del cimitero.

m.lualdi

© riproduzione riservata