Lunedì 22 Luglio 2013

L’aperitivo con fido fa il botto

E a Varese l’educazione la insegna lui

VARESE - L’aperitivo di ieri: ospiti d’onore i cani
(Foto by varesepress)

L’aperitivo con fido è meglio. Il popolo varesino dei padroni di cani si è dato appuntamento ieri sera al Globe Cafè per convincere l’amministrazione a fareretro marcia sull’ordinanza che impedisce agli amici a quattro zampe di entrare nel locali pubblici.

Si chiama Aperi Pet l’appuntamento che ha riunito al Globe Cafè di via Sacco tutti i proprietari di cani che hanno potuto bere un aperitivo accompagnati da fido. Un evento già sperimentato dal Mood Cafè di Bardello e studiato per mettere a proprio agio gli amici a quattro zampe che di solito sono costretti ad aspettare i padroni a casa.

Varese infatti è una delle poche città in Italia in cui i cani non sono ammessi nei bar e nei ristoranti. Un’ordinanza ne vieta l’accesso, nonostante siano sempre di più le persone che hanno un cane e lo trattano a tutti gli effetti come un membro di famiglia.

Da qui l’idea di invitare tutti a condividere il momento dell’aperitivo nel dehor esterno del bar di fronte a Palazzo Estense.

Ad accogliere i partecipanti è stata Paola Viero, comportamentalista e addestratrice di Welcome, che ha dispensato preziosi consigli sull’educazione dei cani per una convivenza più serena tra fido e padrone. Per non far restare i cagnolini a bocca asciutta, la gelateria “La Dulce Argentina” ha preparato del gelato fatto apposta per loro con ingredienti particolari.

E Marta Vanoni della pasticceria Sweet Sins Bakery di Gazzada ha studiato dei gustosi dolcetti, preparati con ingredienti che piacciono anche a fido.

Per i cuccioli più fashion invece, Elena Colombo della boutique Vanity Pets ha preparato delle sorprese e consigli trendy per veri modelli a quattro zampe.

«È stato bellissimo, nessuno ha creato problemi e cani e padroni hanno socializzato come di slito non è possibile fare nei locali cittadini - ha detto il titolare del Globe Cafè - Ripeteremo presto l’evento».

© riproduzione riservata