Un piatto di pasta che fa la differenza. Oggi l’auto della Pro Loco ad Amatrice
Un volontario della Pro Loco oggi porterà l’auto ad una famiglia amatriciana

Un piatto di pasta che fa la differenza. Oggi l’auto della Pro Loco ad Amatrice

L’iniziativa ha raggiunto l’obiettivo: questa mattina la consegna di una Fiat Punto ad una famiglia

ISPRA - L’Amatriciana Solidale promossa dalla Pro Loco isprese regala un’auto a una famiglia terremotata. Il Ferragosto Isprese, la tradizionale manifestazione di mezza estate, quest’anno ha lanciato una bellissima iniziativa benefica: ogni piatto di Rigatoni all’amatriciana cucinato con guanciale acquistato nelle zone terremotate e venduto avrebbe contribuito a sostenere la causa. L’intero ricavato sarebbe stato poi devoluto alle popolazioni colpite dal sisma.

Oltre all’amatriciana, altre specialità umbre come la porchetta di Bevagna della famiglia Cariani di Montefalco (la migliore d’Italia) e il pecorino sono state proposte dai volontari dello stand gastronomico durante i giorni festivi, allo scopo di incrementare le donazioni. In molti hanno partecipato e degustato le prelibate specialità gastronomiche cucinate dai cuochi della Pro Loco sul lungolago, scegliendo proprio i piatti solidali.

E il risultato sperato è stato raggiunto, con grande soddisfazione del presidente della Pro Loco Espedito Ruotolo, del sindaco Melissa De Santis e di tutti. Proprio oggi avverrà la consegna dell’auto, una Fiat Punto, destinata a una famiglia colpita dal terremoto del 2016. Grazie al contributo e alla generosità di tanti (fra questi la concessionaria dei fratelli Simonetta di Cadrezzate) la vettura è stata acquistata il 9 settembre e sarà consegnata a Fazzone, una frazione di Amatrice.

Sarà un volontario della Pro Loco, Tonino De Santis a consegnare personalmente l’auto ai nuovi proprietari nel corso del prossimo fine settimana. «Un grazie a tutti voi - commenta il presidente della Pro Loco - che con un piccolo gesto avete contribuito a rendere la vita meno complicata ad una famiglia che, a distanza di un anno, si trova ancora attorniata da mille difficoltà. Ma anche al nostro sindaco che ci ha sempre appoggiato in questa iniziativa».

Il raggiungimento del traguardo prefissato ha avuto una grande eco in paese e riscosso un comprensibile successo fra gli ispresi, che hanno lodato la proposta della Pro Loco e si sono mostrati solidali e generosi durante il Ferragosto Isprese.

© RIPRODUZIONE RISERVATA