Sabato 07 Giugno 2014

Varese “lancia”

dieci nuovi don

“Lancio del prete” per ben dieci nuovi don della provincia di Varese. Grande festa in provincia per le nuove vocazioni sacerdotali che hanno ricevuto l’ordinazione dalle mani dell’arcivescovo di Milano, Angelo Scola.

Dentro e fuori dal Duomo di Milano erano presenti in diecimila tra familiari, amici, fedeli delle parrocchie di origine e di quelle in cui i nuovi sacerdoti hanno fino ad ora collaborato.

Al termine della celebrazione, poi, non si sono sottratti dal tradizionale “lancio in aria” dei nuovi preti da parte degli amici.

«Servite le comunità con segni di carità. Gli uomini e le donne li aspettano»: così il cardinal Scola ha esortato «questi 25 uomini, per il tenace coraggio della loro scelta che brilla luminosa agli occhi di tutti gli ambrosiani». Del manipolo nuovi preti, sfornati dal seminario di Venegono Inferiore, dieci sono nativi del Varesotto e di questi ben cinque arrivano dal bustese e due, provenienti da altre realtà, sono destinati alla città di Busto.

Ed eccoli i magnifici sette: Riccardo Bottan e Matteo Cascio che arrivano entrambi dalla parrocchia dei Santi Pietro e Paolo a Busto Arsizio, dalla stessa parrocchia, ma dalla zona di Sacconago, arriva anche Andrea Isidoro, sempre bustocco è Emanuele Pozzi della parrocchia di Sant’Anna, così come è bustocco Francesco Solinas della parrocchia di San Giovanni Battista. Continueranno la loro opera a Busto , proveniente dalla parrocchia di San Martino a Malnate, Federico Cinocca, e Luca Rampini di Pogliano Milanese che sarà nelle parrocchie del Santissimo Redentore e Santa Maria Regina in Busto.

Gli altri don varesotti sono Matteo Ceriani che arriva da Oggiona Santo Stefano, da Arcisate arriva Matteo Resteghini, mentre Fabio Riva è di Origgio, e Fabio Stevenazzi di Lozza. Proviene dal milanese Mirco Motta di Biassono che prosegue la sua attività nelle parrocchie di Gallarate.

© riproduzione riservata