Sabato 25 gennaio 2014

Made in Italy anche a Londra

Ecco il varesino che veste la City

VARESE - Gianni Cleopazzo, varesino del 1968, guida la storica Sartoria Vergallo

Made in Italy è bello. Made in Varese è meglio. Lo sanno bene gli uomini d’affari della City di Londra dove Gianni Cleopazzo, varesino, classe 1968, riceve su appuntamento una volta al mese.

Cleropazzo è il sarto, il creativo o l’artista (il termine non è affatto eccessivo) a capo dell’équipe della storica Sartoria Vergallo di Varese. Un laboratorio di alto artigianato in via Donizzetti: stoffe di pregio, modelli classici o estorsi.

Tutti insieme nella splendida villa liberty dove l’attività ha sede e dove esiste un luogo precluso alle donne. Il salotto di prova rigorosamente al maschile dell’atelier: un salotto che richiama alla raffinatezza culturale di quelli ottocenteschi.

Vergallo, a Varese e nel mondo, significa alta sartoria da tre generazioni. L’ultima, quella che lo porta a Londra una volta al mese, vede accanto a Gianni la sorella Mariangela.

«Sarti si nasce. Talenti si diventa», ripete Cleopazzo raccontando di quella sua iniziale ribellione ad ago e filo che lo ha portato a fare altri mestieri. Salvo poi capire che quello per la sartoria era richiamo impresso nel suo Dna: «Per capire che volevo essere un sarto ho dovuto provare a farne a meno».

La passione ha avuto il sopravvento. E Cleopazzo ha rivelato il suo straordinario talento. Ore di studio: ago, filo, cucito. Ore di fatica sino al riconoscimento ottenuto dell’Accademia Nazionale dei Sartori. Ore di fatica in laboratorio e poi sveglia alle 5 del mattino per saltare sul treno diretto a Torino per frequentare i corsi della prestigiosa scuola di taglio Ligas.

I più difficili sono gli italiani

Oggi la Sartoria Vergallo è un’eccellenza in tutto il mondo. Narra la storia che Luca Montezemolo fece i compimento ad un cliente di Cleopazzo per lo straordinario abito che indossava.

© riproduzione riservata