Giovedì 21 Ottobre 2010

Conventino ed ex Borri
Rivoluzione in tre anni

BUSTO ARSIZIO Piano opere pubbliche, Agesp Servizi cala i suoi assi. Interventi previsti per un totale di 55 milioni di euro per il prossimo triennio. Il piano è già stato presentato in giunta ed è in questi giorni oggetto di un intenso dibattito all'interno della maggioranza.
E' già scontro sul destino dell'ex Calzaturificio Borri: la Lega continua a sostenere l'idea del centro termale, il sindaco caldeggiava il polo museale che avrebbe potuto ospitare una collezione privata di opere del Novecento, il Pdl cerca di mediare puntando ad un concorso di idee. Di certo per ora c'è che nella proposta di piano delle opere pubbliche redatta da Agesp Servizi, la ex municipalizzata a cui è stata esternalizzata la competenza sui lavori pubblici, si parla di un investimento da 12 milioni di euro, interamente coperto con risorse private, per la ristrutturazione dello storico immobile industriale di viale Duca d'Aosta e la sua trasformazione in una struttura termale all'avanguardia sul modello delle TermeMilano del capoluogo lombardo, pur mantenendo il patrimonio nella disponibilità dell'ente pubblico.
Sull'argomento però il Pdl è pronto a fare resistenza e chiederà al sindaco Gigi Farioli di promuovere un concorso di idee tra architetti per individuare quale possa essere la migliore destinazione dell'edificio.
L'altra novità contenuta nel piano opere pubbliche è la comparsa nell'elenco del restauro di Casa Canavesi Bossi, più nota come il Conventino di via Matteotti. Messo in sicurezza in estate per prevenire il rischio di crolli, nel piano opere pubbliche si prevede un investimento da circa 2 milioni di euro finanziato per il 50 per cento dal Comune e per la restante metà reperendo fondi da enti superiori (Provincia, Regione, Stato).
Il progetto ipotizza il ritorno alle origini dei locali al pianterreno affacciati su via Matteotti, da offrire in affitto a botteghe artigiane, e la destinazione della restante parte dell'edificio ad uso culturale.

e.romano

© riproduzione riservata