Giovedì 06 Settembre 2012

Fast food rumeno a Varese
Il piatto forte è la minestra

VARESE Altro che pizza, hot-dog, hamburger e patatine fritte. Il fast-food si trasforma e diventa a base di "ciorba", una minestra con carote, patate e carni di vitello, agnello o tacchino.
E perché non accompagnare il piatto con una porzione di "mamalinga"? Si tratta di un pasticcio di mais dall'aspetto simile alla polenta, che è buonissimo con le cipolle dorate in padella. Per chi ama i busti più tradizionali, ecco bello e pronto un bel piatto di tochitur, tutto a base di sugose polpettine di fegato di pollo e di carne di maiale.
Il nuovo negozio di alimentari con gastronomia si trova a Varese, in via Magenta 42, e si chiama "La Nea Nelu". L'idea di intraprendere questa attività è dell'imprenditore Ioan Ungurianu. Dalla sua parte c'è il successo riscosso a Gallarate. Dove, in via Trieste, ha dotato il classico negozio di alimentari di Bucarest - dove si trovano prodotti tipici rumeni e dei Balcani - di una gastronomia che offre cibi già cotti, da mangiare fumanti sul posto o da riscaldare a casa.
«Il mio obiettivo è quello di portare anche a Varese la cultura rumena, che vanta vere e proprie prelibatezze gastronomiche - spiega Ioan - All'inizio pensavo che i miei clienti sarebbero stati soprattutto i rumeni, poi ho dovuto ricredermi. Gli italiani vanno pazzi per la nostra insalata russa, che è diversa da quella che si fa qui. Anche i formaggi e i salumi sono lavorati in modo più casereccio. Ulteriore valore aggiunto: i prezzi bassi che consentono di risparmiare. La nostra non è una clientela di lusso, prediligiamo i lavoratori».
Per quanto riguarda i cibi già pronti, ci saranno ben dieci menù che potranno variare da giornata a giornata a seconda della disponibilità di alimenti, che arrivano dalla Romania.
Già questo fine settimana il punto vendita sarà "testato" con una due giorni di prova. Sarà una festa per gli amici che potranno assaggiare i nuovi prodotti, senza formalizzarsi se il negozio sarà ancora in fase di arredamento.

s.bartolini

© riproduzione riservata