Martedì 14 Ottobre 2008

Bimbi neri? Meglio sbiancarli
Imbrattate le sagome di Brinzio

BRINZIO Ora il diverso dà fastidio anche se è disegnato su delle sagome di legno. Quello che sembra assurdo è invece l’amara realtà che si è consumata, nei giorni scorsi, a Brinzio. Dove i disegni che raffiguravano bambini di pelle scura, sono stati sbiancati. I vandali hanno volute colpire proprio quelle figure. Le uniche ad essere state “ricolorate”. Così di mezzo ci sono andati i disegni che scuola elementare aveva realizzato, con la collaborazione degli alunni delle medie e dei familiari, e poi posizionato lungo la Provinciale che taglia il paese per allertare gli automobilisti, e farli rallentare nei pressi delle scuole. I vandali hanno pensato bene di colorare di bianco la pelle nera di quattro manichini. Gli anonimi imbrattatori li hanno ripassati di bianco stando bene attenti a lasciare il loro segno xenofobo: hanno dipinto solo la faccia, le manine e i piedini dei bambini. E non di tutti: delle dodici sagome soltanto quattro, quelle che ritraevano i bimbi di colore sono state colpite. «E’ impossibile non pensare a un gesto razzista - spiega a nome dell’amministrazione Roberto Piccinelli, ex sindaco e ora assessore al bilancio - io l’ho vissuta come una pugnalata nella schiena, non mi sarei mai aspettato che qualcuno potesse anche solo pensare una cosa del genere, è il vandalismo peggiore che ci abbiano mai fatto. Chi ha agito è un delinquente e non ci sono parole per definirlo». Indignati anche gli studenti, che hanno scritto una lettera aperta agli imbrattatori: "Avete sbagliato, ora ripulite tutto".

b.melazzini

© riproduzione riservata