Giovedì 10 Aprile 2008

Il Tribunale non fa sconti
al "Re del Portogallo"

GALLARATE Il tribunale non fa sconti a dom Rosario Poidimani, aspirante al trono di Portogallo, accusato di truffa e associazione a delinquere a dibattimento con Ugo Gervasi, Gaudenzio Leonardi, Fabrizio Bellora e Roberto Cavallaro. Giovedì 10 aprile, davanti al collegio presieduto da Toni Adet Novik sono state presentate (e rigettate) le due eccezioni della difesa.
Secondo il legale di Poidimani, la corte gallaratese non avrebbe avuto titolo di giudicare il (sedicente) sovrano. Ma il tribunale, anche sulla scorta delle indicazioni fornite dal ministero degli Esteri, ha respinto il rilievo.
In veste di privato cittadino e quindi non di monarca, Poidimani tornerà in aula il prossimo 30 ottobre.

e.romano

© riproduzione riservata