«Piedi piantati per terra e lavoro. Ad Avellino si va consapevoli»
Coach Attilio Caja e capitan Giancarlo Ferrero dopo la vittoria contro Trentino (Foto by Varese Press)

«Piedi piantati per terra e lavoro. Ad Avellino si va consapevoli»

Caja presenta il difficile scontro con la Scandone: «Avversari di talento, esperti e che conosco bene»

Avellino: se la conosci… sai cosa ti aspetta.

Attilio Caja, forse anche più delle altre volte e più della classica attenzione che va prestata a una delle formazioni sulla carta più forti dell’intero campionato, è ben consapevole del cimento che attende la sua truppa. Alcuni giocatori del roster irpino, infatti, sono passati sotto le sue grinfie da Artiglio nell’arco della carriera: parliamo del capocannoniere del campionato Jason Rich (a Cremona), di Lorenzo D’Ercole (ancora alla Vanoli, sempre del 2011/2012) e parzialmente anche di Benjamin Ortner (uno scampolo di stagione a Udine nel 2008/2009).

E se non li ha allenati, avrebbe voluto farlo: è il caso di Ariel Filloy, cercato da Caja per la all’epoca sua Cremona quando il play di Cordoba era il quarto regista a Milano.

Un professionista che usa sempre ciò che è stato come magistero, quindi, non può che partire da qui nella sua analisi: «Ho avuto Jason Rich a Cremona dove aveva già dimostrato di essere un giocatore di altissimo livello, tanto da sorprendermi per il fatto che non militasse in squadre più forti. Penso che meriti il palcoscenico del campionato italiano e una realtà di vertice come Avellino: è il capocannoniere della Serie A non a caso. Filloy, invece, non l’ho allenato ma ci sono andato vicino in passato. Oggi è facile parlare bene di lui dopo lo scudetto e l’Europeo: le sue qualità sono evidenti e io sono contento di averle intraviste in passato tanto da volerlo fortemente alla Vanoli. Loro due sono capaci di spostare l’inerzia di una partita: ci vorrà massima attenzione».

Le parole su un’avversaria come la Scandone, però, non possono finire con l’elogio a Rich e Filloy: «C’è l’ala Wells, grande uno contro uno e forza fisica in avvicinamento a canestro: un altro giocatore da non sottovalutare. Poi Scrubb, che è un po’ quello che per noi è Okoye: molto dinamico, sempre in movimento, gran tiro da 3 punti, dote che ha aggiunto all’uno contro uno. E a proposito di tiro da 3 c’è anche Leunen, che ha tanto talento individuale. Parlare di tutti questi atleti dà la dimensione delle difficoltà che incontreremo durante la partita. Complimenti al gm Nicola Alberani per la formazione della squadra e a coach Pino Sacripanti per come mette in campo i suoi: penso che Avellino arriverà dove ci si aspetta, cioè nelle prime posizioni».

Il primo comandamento davanti a una contendente del genere sarà quello di «controllare le loro bocche da fuoco. La Sidigas tira molto bene da 2 punti (57%, seconda percentuale del campionato dietro Sassari ndr) ed è formata da individualità con un quoziente cestistico molto elevato: questo rende ancora più difficile affrontare una squadra del genere. Hanno gente navigata, con esperienza, dei marpioni che riescono a ritrovarsi anche nelle difficoltà». L’assenza di Fitipaldo? «Possono risentirne a lungo termine - argomenta Caja - ma nelle prime gara, con la panchina lunga che hanno, sarà difficile che ne risentano».

E Varese? Varese va avanti per la sua strada, come giusto che sia: «Abbiamo continuato il programma settimanale di lavoro - conclude Caja - Nessun passo indietro dopo la vittoria contro Trento, non ci siamo cullati sugli allori: abbiamo i piedi ben piantati per terra, cerchiamo di migliorarci individualmente, perché sappiamo che ciò comporterà un miglioramento di squadra. Andiamo ad Avellino consapevoli dei loro punti forti, ma anche consapevoli dei nostri e di essere sulla strada giusta: quella cioè di essere competitivi e di potercela giocare con tutti».

© RIPRODUZIONE RISERVATA