Residenza fittizia all’estero e reddito milionario non dichiarato a Castellanza

Residenza fittizia all’estero e reddito milionario non dichiarato a Castellanza

Sequestro preventivo della GdF. Nei guai un presunto evasore

CASTELLANZA - Presunto evasore nei guai a Castellanza: nelle ultime ore, infatti, Il Gruppo di Busto Arsizio della Guardia di Finanza ha dato esecuzione a un decreto di sequestro preventivo emesso dal GIP del Tribunale di Busto nei confronti di un imprenditore di Castellanza, fittiziamente residente all’estero e iscritto all’Anagrafe degli Italiani Residenti all’Estero (A.I.R.E.) che, dal 2009 al 2012, avrebbe sistematicamente omesso di presentare la dichiarazione dei redditi per un ammontare complessivo pari a 4 milioni di euro.

Gli accertamenti, originati da un controllo in frontiera effettuato nei confronti dell’uomo di rientro dalla Svizzera con al seguito documentazione bancaria di un istituto di credito elvetico riferibile ad attività finanziarie e patrimoniali detenute all’estero, si sono sviluppati attraverso l’esecuzione di una verifica fiscale a suo carico, nell’ambito della quale i numerosi elementi informativi acquisiti grazie alle molteplici banche dati in uso al Corpo, nonché alle notizie e ai dati acquisiti sul “campo”, hanno consentito di localizzare in Italia l’effettiva residenza dell’imprenditore, cioè il reale centro degli interessi patrimoniali, sociali e ricreativi oltre che i legami affettivi e familiari secondo il consolidato principio che per la determinazione della residenza non basta fare riferimento alla sola indicazione anagrafica.

È stato così quantificato il reddito percepito e non dichiarato dal contribuente in Italia, pari a un ammontare di 4 milioni di euro, nonché il conseguente debito maturato nei confronti dell’Erario, pari a 1.641.222 euro, a titolo di imposta evasa. L’uomo, quindi, è stato segnalato all’Autorità Giudiziaria quale responsabile del reato di omessa presentazione della dichiarazione dei redditi e a suo carico è stata proposta l’adozione del sequestro preventivo di beni finalizzato alla confisca, per un valore equivalente all’imposta non versata, a garanzia del debito.

Sulla base del successivo provvedimento adottato dal Giudice, i militari della Guardia di Finanza di Busto Arsizio hanno sequestrato tre immobili, un’autovettura, un conto corrente bancario e il contenuto di una cassetta di sicurezza (contenente orologi di lusso, lingotti d’argento, monete nazionali e straniere a valenza numismatica) riconducibili all’uomo, per un valore complessivo di oltre 600mila euro.


© RIPRODUZIONE RISERVATA