Rubava corrente alla vicina morta. 55enne denunciato dai carabinieri
Intervenuti i carabinieri (Foto by Archivio)

Rubava corrente alla vicina morta. 55enne denunciato dai carabinieri

L’incredibile truffa scoperta dalla figlia della donna di Samarate defunta

SAMARATE - Rubava la corrente alla vicina deceduta: operaio di 55 anni denunciato dai carabinieri di Busto Arsizio per furto di energia elettrica.

A segnalare l’anomalia l’incredula figlia della defunta che ha notato l’artigianale collegamento al contatore della madre eseguito dal vicino. L’uomo, che non ha precedenti, deve aver creduto che essendo l’anziana vicina di casa morta lo scorso 10 luglio nessuno lo avrebbe mai scoperto. Deve aver lasciato passare qualche giorno poi il “lampo di genio”: un bypass elettrico che allacciava la sua linea al contatore della defunta.

Lui consumava ma nessuno, questo si era immaginato, avrebbe pagato. Un piano piuttosto ingenuo. La figlia della scomparsa, infatti, non ha certo abbandonato la casa materna. Continuando a visitarla, tra l’altro dovendo fronteggiare il dolore di aver perso la mamma e ritrovandosi immersa nel mare di ricordi contenuti nella casa di famiglia. E anche se la donna non avesse visto il collegamento, tra l’altro pericoloso e che avrebbe anche potuto innescare un incendio, il giochetto sarebbe stato scoperto alla prima bolletta.

In una casa vuota nessuno consuma corrente. Come giustificare gli eventuali importi? I militari hanno impiegato pochissimo a scoprire chi fosse il ladro. È bastato seguire i fili per trovare l’abitazione allacciata abusivamente al contatore. Ed è scattata la denuncia per furto di energia elettrica. Ma non è finita. Il furbetto che pensava di non pagare la luce ora dovrà rifondere il maltolto in un colpo solo. I militari stanno infatti lavorando per accertare da quanto il ladro avesse iniziato ad agire.

Possibile magari che il collegamento fosse addirittura antecedente il decesso della vicina. Basterà incrociare le bollette per capire da quando il collegamento abusivo era attivo. A quel punto sarà possibile quantificare il danno. Con l’operaio dovrà risarcire, come si dice, in un’unica soluzione. Furti di energia elettrica ne sono stati registrati in provincia. Ma nessuno, o quanto meno non è mai emerso prima, aveva mai osato addirittura rubare elettricità ad una defunta.


© RIPRODUZIONE RISERVATA