«Questa sarà ricordata come l’edizione dei record»

«Questa sarà ricordata come l’edizione dei record»

Il Festival del Teatro, della Musica e della Comicità è un successo. Per numeri, nomi e risposta

Pausa di soddisfazione per il Festival del Teatro, della Musica e della Comicità delle Terre Insubri. L’anno da record si chiuderà a Lovere, in piazza XIII, Martiri il 9 settembre. Sul lago di Iseo sarà “Saule Kilaite e le fontane luminose” a concludere l’undicesima edizione che «sarà ricordata – dice il direttore artistico Francesco Pellicini - come una delle più belle e riuscite iniziative della sua lunga storia. Ben 18 piazze di scena, oltre 50 artisti coinvolti, big della musica italiana e della comicità, generi di scena differenti ben amalgamati dall’esperienza dell’organizzazione».

Dal 17 giugno ad oggi sono stati infatti oltre 15.000 gli spettatori nelle piazze estive. I numeri assegnano il primato di presenze alla data di Luino con Enrico Ruggeri e Francesco Pellicini e 5.000 spettatori. I Legnanesi, che hanno fatto registrare il tutto esaurito con circa 1.000 persone, sono stati eguagliati da Fabio Treves al Maga di Gallarate. In 800 per Vittorio Sgarbi a Villa Rizzoli sul lago di Como e 500 per Giorgio Conte a Lugano.

«E sono molti altri gli eventi tra cui citare Alberto Patrucco a Varese, Bocor Moffa a Maccagno con Pino Veddasca, E se Lucio fosse qui, omaggio a Lucio Battisti a Villa Cagnola Gazzada Schianno, I Trenincorsa a Ponte Tresa, Midani a Gavirate, Cremonesi e Locati a Cannobio con il teatro comico di strada, I Delfini d’acqua dolce a Ispra».

Tra meno di un mese poi, la manifestazione sbarcherà in provincia di Brescia, sul lago di Iseo con Saule Kilaite e le fontane illuminate in “Il sogno di una notte di mezza estate”. Una serata magica in cui zampilli d’acqua danzano al ritmo di musica, illuminati da luci e colori con una musica coinvolgente interpretata dalla celebre violinista performer. «Ogni anno – commenta soddisfatto Pellicini - organizzare diviene sempre più difficile per tante ragioni, ma poi il successo, il calore, l’entusiasmo delle piazze è talmente straripante che ripaga sempre di tutto. Non posso non citare il record di presenze di sempre a Luino per una manifestazione con il concerto di Ruggeri, gli ottimi concerti di Conte, Treves, gli eventi culturali di Sgarbi, davvero molto molto bello, il teatro comico di strada, la comicità classica. Oggi il festival «è una realtà ben più nota rispetto al bacino di utenza a cui si riferisce. Mi scrivono da tutta Italia per partecipare e non nego che la cosa mi faccia assai piacere!».

Quest’anno il meteo è stato clemente, quindi l’unica data da recuperare sarà l’omaggio a Francesco Guccini con Stefano Orlandi a Germignaga.

La data dovrebbe essere il 24 settembre. «Il sentito lutto cittadino proclamato dal sindaco Marco Fazio, proprio il giorno di scena prestabilito, al fine di ricordare la storica figura dello scomparso sindaco Giorgio Garagnani, ha impedito l’esecuzione dello show trovando tutti d’accordo nell’individuare una data di recupero».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti (0) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito. I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati. Accedi per commentare