Stanziati 25 mila euro in favore della “Baby Card”
Andrea Cassani, sindaco di Gallarate (Foto by Varese Press)

Stanziati 25 mila euro in favore della “Baby Card”

Il sindaco di Gallarate Andrea Cassani: «Un punto importante inserito nel programma elettorale, che ora è un obiettivo raggiunto»

25mila euro suddivisi in cento contributi da 250€ ciascuno da erogare nel corso del 2018 agli aventi diritto. Questo è quanto la giunta di centrodestra ha stanziato, durante la seduta di ieri, a favore della “Baby Card”. «Un punto importante inserito nel programma elettorale, che ora è un obiettivo raggiunto» afferma il sindaco Andrea Cassani che evidenzia come «è stato mantenuto anche l’impegno di mettere i gallaratesi prima di tutti». Come spiega l’assessore ai Servizi sociali Paolo Bonicalzi «Potranno richiedere la Baby Card i genitori (entrambi residenti a Gallarate) il cui secondo o successivo figlio è nato tra il primo gennaio e il 31 dicembre del 2017. La madre e il padre devono risiedere sul territorio nazionale da almeno 10 anni continuativi. e, per ogni anno di residenza a Gallarate di entrambi verranno assegnati dei punti».Come sottolineato dal primo cittadino, i parametri della delibera, <sono perfettamente in linea con norme e leggi, nel pieno rispetto del principio di uguaglianza formale. Non viene creata alcuna discriminazione sulla base della cittadinanza per evitare che il provvedimento possa essere impugnato, come è invece accaduto in altri Comuni>. Il modulo per la richiesta, scaricabile al più presto dal sito del Comune e depositato all’Ufficio relazioni con il pubblico di Palazzo Broletto, dovrà essere riconsegnato entro il 15 gennaio 2018 all’ufficio protocollo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA