Bilancio in vista. La Lega è pronta  a dare battaglia alla giunta
Il Bilancio verrà discusso in una tre giorni di fuoco, dal 20 al 22 dicembre in consiglio comunale

Bilancio in vista. La Lega è pronta

a dare battaglia alla giunta

Il consigliere Pinti: «Presenteremo emendamenti che miglioreranno la vita dei varesini». Il voto prima di Natale

VARESE - La Lega Nord darà filo da torcere alla giunta Galimberti. In vista del Bilancio i consiglieri comunali del Carroccio sono al lavoro per presentare una serie di emendamenti «che serviranno a migliorare le vita dei varesini».

Il Bilancio di previsione passerà lo scoglio del voto in consiglio comunale poco prima di Natale. Si tratterà di una tre giorni di sedute, dal 20 al 22 dicembre, durante la quale l’amministrazione dovrà confrontarsi in particolare con i consiglieri della minoranza di centrodestra. Che sono al lavoro per preparare i loro emendamenti al documento economico della giunta. «L’anno scorso abbiamo presentato diversi emendamenti in un’ottica di dialogo – spiega Marco Pinti, consigliere comunale della Lega Nord – Erano praticamente tutti incentrati su punti d’incontro tra noi e la maggioranza. Le proposte fatte riguardavano la partecipazione, l’ecologia e i servizi sociali».

Ma la costruttività del centrodestra, secondo quanto riporta Pinti, non era stata “apprezzata”. «In grandissima parte i nostri emendamenti erano stati bocciati – sottolinea il consigliere - e c’era stata anche una polemica sul fatto che li avessimo presentati. Un fatto curioso, da parte di un forza politica che oggi è in maggioranza ma che per molti anni è stata in minoranza, e quindi dovrebbe sapere cosa significhi fare questo lavoro. Di conseguenza, quest’anno presenteremo diversi emendamenti più identitari». E Pinti è già al lavoro: «Sfrutterò anche questo ponte per dedicarmi alla stesura degli emendamenti».

Il Bilancio di previsione sta intanto venendo trattato, prima del consiglio, nelle sedute della commissione. Durante l’ultimo incontro, l’assessore Cristina Buzzetti ha presentato le novità. Le principali entrate previste derivano dalle imposte, ovvero Imu, Tasi e Tassa rifiuti, ha aggiunto l’assessore. La novità di quest’anno sarà l’introduzione dell’imposta di soggiorno, i cui introiti sono stati valutati come ipotesi in 600mila euro circa. Questa nuova imposta sarà destinata interamente ad interventi per il rilancio del territorio, come richiesto dalle associazioni di categoria, e confermato dalla giunta.

Nello specifico 274mila euro andranno nella Tutela e valorizzazione dei beni culturali di Varese, 218mila euro nel turismo, e 100mila euro nello sviluppo sostenibile e tutela del territorio e dell’ambiente.


© RIPRODUZIONE RISERVATA