«Da Roma altri 70 milioni per il 2017. Dalla Lombardia neanche un euro»

«Da Roma altri 70 milioni per il 2017. Dalla Lombardia neanche un euro»

Ieri l’incontro tra l’Anci, le Province e i parlamentari lombardi

Si è tenuto ieri mattina a Milano, l’incontro tra Anci, l’associazione dei Comuni, le Province e i parlamentari lombardi sul tema dei fondi per l’assistenza e il trasporto dei ragazzi disabili delle scuole superiori.

Dal tavolo è emersa una posizione comune, ovvero che Regione Lombardia è tenuta a partecipare alla cifra già stanziata dal governo centrale. Durante la riunione non sono mancate le critiche nei confronti dell’atteggiamento del Pirellone su un tema così delicato e che è decisivo per la qualità della vita di questi ragazzi e dei loro familiari. «La buona notizia - ha spiegato in un comunicato stampa il consigliere provinciale Paolo Bertocchi, che era presente all’incontro di ieri - è che Comuni e Province hanno avuto la conferma che anche per il 2017 Roma erogherà la sua quota di settanta milioni di euro. Regione Lombardia invece non ha previsto nel suo bilancio del 2017 nemmeno un euro, rispetto ai ventotto stanziati l’anno scorso».

L’esponente del Pd critica duramente l’atteggiamento del Pirellone su un problema così delicato. «Province e Comuni ora valuteranno insieme tutte le azioni possibili, affinché nemmeno un euro venga tolto ai nostri ragazzi e alle loro famiglie, a causa delle ripicche della giunta Maroni» ha proseguito Bertocchi, il quale ha puntato il dito contro la Lega Nord. «È stata gravissima l’assenza della Lega a questo tavolo - ha rimarcato il consigliere provinciale - nessuno dei loro parlamentari era presente, per evitare di dover ammettere la responsabilità della Regione». E ancora: «La Regione non mette soldi per colpa dei tagli? Io dico che se ci sono dei tagli si risponde con delle scelte».

Sul tema si esprime però anche il segretario della Lega Lombarda, Paolo Grimoldi, che attacca a sua volta. Prendendosela proprio con Roma: «Mancano circa 15 milioni, fondi tagliati dal Governo Renzi che, però, spende più di 500 milioni l’anno per mantenere gli oltre 22 mila richiedenti asilo stipati nelle strutture e negli alberghi lombardi».

Villa Recalcati ha scelto comunque di continuare a sostenere economicamente questo prezioso servizio sociale, confermandone i fondi a bilancio. Spiega ancora Bertocchi: «Nonostante le difficoltà di bilancio, come Provincia di Varese abbiamo già scelto di stare con le famiglie e con i nostri ragazzi, contribuendo per l’anno 2016 con 200 mila euro, nonostante un piano di rientro drammatico e ci impegneremo a fare altrettanto per il 2017».

«Abbiamo tagliato su tutto ma non su questo - conclude l’esponente del Pd - questa è una battaglia che andrebbe combattuta tutti insieme, senza alcuna distinzione di partito. Oggi abbiamo visto che non è così».


© RIPRODUZIONE RISERVATA