Torna la Domenica delle monetine. La solidarietà è di casa a Varese

Torna la Domenica delle monetine. La solidarietà è di casa a Varese

Gennaro Gesuito continua con la sua opera di raccolta fondi, unendo i propri sforzi a quelli della Fondazione Ascoli

La Domenica delle monetine raddoppia e diventa “La città pedala con voi”, legandosi alla causa del Day Hospital Oncoematologico della Fondazione Ascoli. Il 23 Aprile, al Caffè Biffi di piazza del Podestà, dalle 10 alle 17 Gennaro Gesuito si metterà a disposizione di tutti i varesini che vorranno donare i loro spiccioli di portafoglio contribuendo così all’acquisto di una cyclette per i giovani degenti del reparto: una causa importante – come ha ricordato Maria Chiara Terziroli, la segretaria della Fondazione – perché lo è in assoluto la cura della forma fisica per coloro che sono stati provati dalla malattia, in particolare quando ad esserne colpiti sono i bambini.

La nuova iniziativa del proprietario del Caffè Farinola di Arcisate – legato da parentela con il proprietario del Biffi, suo cognato – nasce da un colloquio con un caro amico, Antonio Mignemi. «Qualche settimana fa avevamo parlato dell’attività fisica a sostegno dei bambini ricoverati al Day Hospital e Antonio mi aveva segnalato la necessità di avere in reparto una cyclette: succedeva pochi giorni prima della scomparsa di Giovanni, suo figlio, ricoverato presso la Fondazione». Giovanni è scomparso alla stessa età di Giacomo Ascoli, figlio di Marco ed Angela, undici anni or sono: nasce proprio nel ricordo di Giacomo la Fondazione Ascoli, nel 2006, e nel 2009 viene fondato il Day Hospital pediatrico oncoematologico al quinto piano dell’Ospedale del Ponte, nell’ambito della clinica pediatrica: un padiglione con tre camere doppie con bagno, sala medica, sala infermiere, sala colloquio, sala gioco e una terrazza coperta da poco a giardino d’inverno, dove i piccoli pazienti ricevono quotidianamente terapie, visite e controlli; da qualche tempo all’interno del personale medico è presente, a conforto del problema della forma fisica, una dietista. «Esattamente come la prima raccolta, che ho effettuato il 12 di febbraio, anche questa volta chiederò ai cittadini di portarci tutte le monetine che scivolano nel fondo delle borsette – i centesimi insomma – e di cui spesso ci dimentichiamo. In quell’occasione avevamo riempito ben cinque boccioni di vetro che avevo messo all’ingresso del locale: in un solo giorno erano state raccolte 18.300 monetine per un totale di 373 euro e 50 centesimi che sono andate in parte a finanziare l’acquisto di 40 uova di Pasqua e alcune colombe per la causa della mensa dei bisognosi di via Bernardino Luini grazie all’interessamento di Luisa Oprandi, e in parte andranno a sommarsi al ricavato della nuova raccolta». Alla nuova Domenica delle monetine hanno già risposto alcuni corridori professionisti che saranno presenti al Biffi a sostegno della causa. «Da ultimo di dieci figli e cresciuto senza genitori – conclude il simpatico Gennaro – sono vicino sempre e comunque ai bambini e alle loro difficoltà».

© RIPRODUZIONE RISERVATA