Una serata con i “claun”. «Noi, portatori di gioia»
Laura Marinoni, presidente del Claun Vip Verbano, ha messo a tutti il naso rosso

Una serata con i “claun”. «Noi, portatori di gioia»

Nasi rossi. Con il Lions Club, la storia di chi vive per far sorridere

La serata di ieri, al Golf Club di Luvinate è stata l’occasione per presentare un gruppo di persone speciali. Su invito del Lions Club Varese, che da sempre ha a cuore quanti si dedicano a fare del bene, si sono presentati alcuni volontari del “Naso rosso”. Si tratta di un’associazione di claun (no, non è un errore), che ha come missione quella di portare la gioia, non soltanto ai bambini.

Una “parte bambina”

I claun del gruppo VIP Verbano – “Un naso rosso per sognare”, si chiamano claun e non clown perché non sono come quelli dei circhi. Sono invece un gruppo di persone che hanno fatto del Vivere in Positivo la loro missione, dei «portatori di gioia». La loro presidentessa, Laura Marironi, o meglio, claun RicciSmile, introdotta da Claudio Modigliani, membro del Lions Club, che fa gli onori da casa, racconta così il senso del loro volontariato. «Noi scegliamo di vivere in positivo, sviluppando lo spirito clown. Accediamo alla nostra parte “bambina” e questo è fondamentale per entrare in empatia con le persone, per stupirsi. Crediamo nel volontariato come gratuità e fratellanza, e nel servizio inteso come “creare” un mondo fantastico». I claun non sono intrattenitori. «Siamo clown “sociali”, per noi è fondamentale non creare legami duraturi, siamo come angeli, non terapeuti». I claun del VIP Verbano, infatti, non lavorano solo con i bambini; anzi, i loro “pazienti” sono principalmente ospiti di reparti RSA, quindi anziani, e RSD, ossia disabili. «È da sfatare il mito per cui la clownterapia sia una cosa per bambini» precisa Laura Marinoni. VIP Verbano lavora nelle strutture sanitarie, ma anche nelle piazze e nelle carceri, ovunque ci sia bisogno di gioia e di sorrisi. «Non portiamo e non riceviamo regali, non è questo il senso del nostro servizio – chiarisce claun RicciSmile. Quello che facciamo è partire dalle persone, entrare in contatto con lo spirito e tutto quello che diamo e riceviamo è interiore». RicciSmile e i suoi compagni - claun Foca Monaca, claun Alonsi, claun 7’s Joe e gli altri - fanno servizio anche con i “fragilissimi”. Pazienti in stato vegetativo con cui quasi sempre si comunica solo con lo sguardo, ma che sguardo.

Formazione continua

Quello dei nasi rossi è un impegno che richiede una preparazione seria, con scadenze mensili. «La formazione è fondamentale – spiega Laura Marinoni, che è anche la presidentessa del gruppo. L’allenamento mensile è coordinato a livello nazionale. In Italia ci sono ben 57 associazioni VIP, per un totale di più di 4000 volontari. Il periodo di formazione base dura tre giorni, durante i quali si sceglie il proprio nome claun. Poi, dopo cento ore di tirocinio, si diventa claun formati». Un grande impegno, quindi, ma quello che lo spirito clown lascia dentro è davvero molto. «Naso Rosso è la maschera più piccola al mondo ma che indossata da una delle cose più grandi che ci siano: il sorriso». VIP Verbano è un gruppo di persone che hanno deciso di fare del loro tempo libero un “tempo liberato”, che richiede impegno e responsabilità, ma che «dà così tanto che è impossibile tornare indietro».


© RIPRODUZIONE RISERVATA