“Topi” in azione anche a Cunardo. Nonostante un rottweiler
Immediata la denuncia ai carabinieri di Luino della coppia derubata (Foto by Archivio)

“Topi” in azione anche a Cunardo. Nonostante un rottweiler

L’episodio è avvenuto nella zona di via Foscolo tra le 18.30 e le 23. I proprietari erano fuori casa

CUNARDO - “Topi” d’appartamento in azione a Cunardo: nei giorni scorsi ignoti hanno, infatti, saccheggiato una villetta mettendo fuori gioco anche il cane da guardia. Non si arresta l’ondata di furti che da giorni si sta abbattendo su tutto il Varesotto e che nelle ultime ore si è estesa fino al Luinese. A Cunardo i ladri hanno colpito nella zona di via Foscolo. Secondo una sommaria ricostruzione dell’accaduto, non si sono fatti scrupoli neppure di fronte alla presenza di un Rottweiler femmina che in quel momento si trovava a fare la guardia.

Potrebbe essere stato neutralizzato in qualche modo, forse stordito con qualche sostanza narcotica, anche se riguardo a questo aspetto la certezza assoluta non c’è. Per fortuna il cane non ha subito danni fisici, tanto che nei giorni successivi si è poi ripreso completamente, tuttavia l’alloggio è stato svuotato e messo a soqquadro.

Il colpo è avvenuto nei giorni scorsi: «Purtroppo – dice il padrone di casa – io e mia moglie in quel momento non eravamo in casa. Entrambi eravamo fuori per impegni. Mia moglie è rientrata poco prima di me e si è ritrovata la brutta sorpresa della casa svaligiata dai ladri». Stando alle prime ricostruzioni, pare che gli scassinatori, forse una banda di nomadi, ha aperto la finestra utilizzando una leverina o qualche altro attrezzo del genere. A quel punto si sono intrufolati nell’appartamento compiendo un’autentica razzia di preziosi e oggetti di valore. Avrebbero arraffato quanto a portata di mano, asportando quanto più possibile.

«Il furto – ha raccontato il cunardese – è avvenuto tra le 18.30 e le 23 circa. In quel lasso di tempo hanno aperto la finestra, portando via tutto ciò che hanno trovato all’interno. Nessuno si è accorto di nulla fino a quando mia moglie non è rientrata a casa».

Dopo aver borseggiato le stanze della casa se la sono svignata facendo perdere le proprie tracce nel giro di pochi minuti. «Abbiamo il sospetto – ripete il padrone di casa – che abbiano usato qualche sostanza per stordire il cane. Per un paio di giorni si vedeva che era un po’ confuso, ma poi si è ripreso pienamente. Per fortuna non le hanno fatto del male». Della faccenda sono stati interessati i carabinieri della Compagnia di Luino ai quali i due coniugi si sono rivolti nelle ore immediatamente successive sporgendo denuncia.

I ladri al momento sono in fuga, anche se i carabinieri stanno indagando.

© RIPRODUZIONE RISERVATA