Biandronno, così muore il nostro lago

Biandronno, così muore il nostro lago

Liquami, odore nauseabondo e fogli di carta igienica tra i canneti: colpa di due scarichi fognari. A scoprirli sono stati alcuni cittadini, tra cui Mauro Zanetti. Che adesso lanciano l’allarme

BIANDRONNO - Quando ti trovi putridi fogli di carta igienica avvinghiati ai canneti, un odore penetrante che ti guida verso il lago e infine scopri che l’acqua ha un colore grigio verde ed è velata di escrementi, non puoi non farti qualche domanda.
Succede in questi giorni a Biandronno, in località Strencia, sulle rive del lago di Varese. Un recente taglio della rigogliosa vegetazione, che in quel punto orna le rive del bacino, ha rivelato la presenza di due scarichi che insistono sullo stesso. I suddetti stanno sversando nelle ultime ore una quantità piuttosto cospicua di liquami dall’aspetto e dal puzzo inequivocabile, allarmando i cittadini del paese.

L’approfondimento su La Provincia di Varese in edicola venerdì 31 luglio 2015.


© RIPRODUZIONE RISERVATA