Caso Uva: Iene assolte dall’accusa di diffamazione

Caso Uva: Iene assolte dall’accusa di diffamazione

La decisione è stata presa dal gup di Varese alle 14.00 di oggi, al termine dell’udienza preliminare

VARESE - Morte di Giuseppe Uva: le Iene assolte dall’accusa di diffamazione nei confronti di poliziotti e carabinieri. Così ha deciso il gup di Varese Anna Giorgetti intorno alle 14 di oggi. Davanti al giudice per l’udienza preliminare erano finiti il giornalista Mauro Casciari de Le Iene, il direttore di Italia Uno Luca Tiraboschi e il regista del docufilm su Giuseppe Uva, Adriano Chiarelli. Il gup ha sentenziato il non luogo a procedere nei confronti di Casciari e Tiraboschi, dichiarandosi invece territorialmente incompetente per Chiarelli. “Leggeremo le motivazioni della sentenza - ha commentato Luca Marsico, uno dei legali di poliziotti e carabinieri - Affermare cose non contenute negli atti in televisione a quanto pare è possibile”. La denuncia era scattata in seguito a un’intervista rilasciata da Lucia Uva a Le Iene nella quale la donna affermava non solo che il fratello era stato picchiato a morte da poliziotti e carabinieri nella notte tra il 13 e il 14 giugno 2008. Ma che era stato addirittura violentato in quel frangente, accusa mai comparsa negli atti e che non compare nemmeno oggi tra i capi di imputazione contestati ai carabinieri e ai poliziotti in seno al processo in corso davanti alla corte d’assise. Lucia Uva risponderà di diffamzione in altra sede. La donna ha infatti scelto il giudizio immediato.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti (0) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito. I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati. Accedi per commentare