Facebook inchioda i bulli del treno
Sedili che volano, insulti e bestemmie: il “capolavoro” finito sulla rete ha permesso di identificare in fretta i giovani autori del gesto vandalico

Facebook inchioda i bulli del treno

Uno studente di 18 anni e un disoccupato di 22 i protagonisti del video diventato virale. Sono stati denunciati e ora devono 10 mila euro di danni a Trenord.

Vandali sul treno: identificati e denunciati grazie a un’indagine lampo dei carabinieri della stazione di Gavirate. Sono un disoccupato di 22 anni di Cittiglio e uno studente di 18 anni di Cuveglio e hanno causato danni per 10 mila euro. Entrambi già noti alle forze dell’ordine: hanno precedenti per droga e per furto.
Il video che li immortala mentre sfasciano una carrozza del Varese-Laveno intorno alle 18 di tre giorni fa ha fatto il giro della rete. Un malcapitato studente universitario si è improvvisato reporter e ha filmato quella devastazione per tre minuti caricando il video su Youtube.

Devasto e disgusto

Le immagini sono chiarissime: tre ragazzi e una ragazza che evidentemente si conoscono tra loro. Due ragazzi devastano la carrozza, staccano i sedili, strappano le imbottiture buttandole in mezzo al corridoio gridando: «Facciamo il degenero». Chi filma commenta disgustato: «Qui c’è tutto lo spirito italiano».
I due commentano lo sfascio appena compiuto: «È un capolavoro». Poi per sfuggire al capotreno, e ai carabinieri allertati, uno dei ragazzi tira il freno d’emergenza bloccando il convoglio a Barasso. Il gruppetto scappa tra i boschi nel buio delle 19 e sfuggono ai militari.

Fuga brevissima

Ma la fuga dura solo poche ore. Mentre in rete il video diventa virale e i vandali vengono insultati da tutta Italia, i carabinieri di Gavirate ne analizzano le immagini. Soltanto due dei ragazzi sono gli autori della devastazione; la ragazza e l’altro amico si limitano a guardarli.
Nel frattempo dal video altri viaggiatori riconoscono proprio la ragazza. La giovane prende sempre il treno a quell’ora e altri pendolari la segnalano permettendo ai militari di identificarla. L’altro ieri sera in stazione a Laveno la giovane ha trovato i militari della stazione di Gavirate ad aspettarla.
Prelevata direttamente dalla banchina, la ragazza è stata portata in caserma e ascoltata come persona informata dei fatti. Restringendo la cerchia delle amicizie della giovane i carabinieri sono arrivati ad identificare i due teppisti. Che non hanno vie d’uscita: il video li incastra al di là di ogni ragionevole dubbio immortalandoli mentre bestemmiano davanti allo scempio.

«Ti faccio male»

Entrambi sono stati denunciati per danneggiamento aggravato. E a loro spetterà scucire 10 mila euro a Trenord per il risarcimento del danno.
Ma la vicenda, per la coppia di balordi, non finisce qui. Uno dei due, il ventiduenne per la precisione, ha ripetutamente minacciato attraverso Facebook lo studente universitario che ha pubblicato il video su Youtube. E tra un insulto e l’altro ha ordinato allo studente di togliere il video «altrimenti ti trovo e ti faccio male. Ci metto un minuto a trovarti».
I carabinieri della compagnia di Varese e della stazione di Gavirate hanno acquisito anche tutti gli screenshot delle pagine Facebook che provano, ancora una volta al di là di ogni ragionevole dubbio, le minacce nei confronti dello studente universitario. E procederanno di conseguenza.


© RIPRODUZIONE RISERVATA