«Nessun migrante ospite a Besozzo»
L’arrivo di 150 profughi a Besozzo aveva messo in allarme la popolazione. Ma, per ora, non si concretizzerà (Foto by Varese Press)

«Nessun migrante ospite a Besozzo»

Il sindaco Del Torchio smentisce l’imminente arrivo di 150 rifugiati in un capannone a Bogno. La porta però è socchiusa: «Stiamo valutando»

BESOZZO - Nessun profugo o migrante è in arrivo sul territorio comunale di Besozzo. In un avviso rivolto a tutta la popolazione e diffuso nella giornata di ieri, il sindaco Riccardo Del Torchio mette a tacere tutte le voci incontrollate che si sono sentite in paese nei giorni scorsi, nei bar e nelle piazze, oltre che ovviamente sui social network.
Da qualche tempo, a Besozzo circolava sempre più insistente la voce che fossero in arrivo in paese, da un momento all’altro, addirittura 150 profughi di guerra provenienti principalmente dall’Africa e già sbarcati nelle scorse settimane sulle coste italiane. Qualcuno su Facebook, aveva persino indicato in un capannone inutilizzato, che si trova nella frazione di Bogno, il possibile approdo e il luogo di ricovero dei 150 migranti, tanto da aprire accese discussioni tra gli utenti della pagine besozzesi dei social network.
Argomento scottante e di grande attualità in tutta Italia, che non riguarda ovviamente solo Besozzo, ma anche diversi paesi della provincia di Varese; alcuni giorni fa, altre voci incontrollate avevano indicato ad esempio nell’ex hotel Continental di Cassinetta a Biadronno un possibile approdo di addirittura 250 profughi. Notizia prontamente e nettamente smentita anche in quel caso dal sindaco, come pure nel caso delle analoghe voci incontrollate riguardanti Ispra.
La reazione dei besozzesi sui social, in ogni caso, non è stata per nulla favorevole all’accoglienza di profughi in strutture presenti in paese: la preoccupazione è il sentimento prevalente tra la cittadinanza. «Considerate le preoccupazioni diffuse tra i cittadini relative a notizie di una presunta destinazione presso il nostro Comune ne ribadisco, come ricordato anche durante l’ultimo consiglio comunale, la totale infondatezza e ricordo che l’amministrazione comunale non ha avviato alcuna procedura per la loro accoglienza» dichiara il primo cittadino, che vuole porre fine alla scottante questione una volta per tutte.

Tutti gli approfondimenti su La Provincia di Varese in edicola sabato 18 luglio

© RIPRODUZIONE RISERVATA