Hack in The Lab dà forma alle idee
Una foto di gruppo con i partecipanti del laboratorio Hack The Lab nella serata di premiazione

Hack in The Lab dà forma alle idee

Alla Elmec di Brunello un contest per ideare e sviluppare soluzioni innovative in cloud

Elmec Informatica, l’azienda managed service provider di servizi e soluzioni It con sede a Brunello, è abituata a puntare sulla valorizzazione e il coinvolgimento dei propri dipendenti.

Hack in The Lab è il contest ideato dall’azienda varesina, per ideare e sviluppare soluzioni innovative in cloud, con la piattaforma Openstack. Il laboratorio ideato da Elmec è stato un percorso che ha coinvolto per tre mesi più di sessanta dipendenti dell’azienda, con lezioni frontali e laboratori tecnici sull’emergente tecnologia Openstack, una piattaforma open, per sviluppare software e applicazioni web in ambiente cloud. I dipendenti della Elmec hanno prodotto numerose idee e progetti interessanti e innovativi, come il sistema che permette di individuare l’identità digitale e social di persone che visitano fisicamente un luogo, un’applicazione web per pilotare da remoto droni dotati di sensori, oppure una soluzione in grado di individuare malfunzionamenti di sistemi installati sul cloud, ma anche un’app per la sorveglianza remota e la vigilanza ambientale e un nuovo gestionale per la ristorazione. La serata conclusiva di premiazione del laboratorio, che si tenuta ieri nella sede di Brunello, ha visto la partecipazione di tredici team composti da trenta finalisti. I giovani partecipanti hanno presentato la propria idea in cinque minuti, con la formula dell’elevator pitch, di fronte a una giuria interna composta da tecnici specializzati, dirigenti e manager.

Il progetto vincitore è stato quello di “What’saround” della squadra delle Wonder Woman, composto da Emanuela Catania e da Maria Rita Rizzi, entrambe della divisione Sistemi Informativi di Elmec, che sfruttando la geolocalizzazione di un punto su una mappa, restituisce informazioni di business integrandosi con il Crm aziendale. Il team vincitore è stato premiato con un viaggio ad Amsterdam per la partecipazione all’Openstackday del prossimo 14 settembre. Visto il livello dei progetti presentati, la giuria ha deciso di assegnare lo stesso premio anche al secondo classificato, il team Dr.One, composto da Simone Pace e da Matteo Bai, della divisione Platform e MiddlewareInfrastructure, che ha sviluppato un’applicazione web-based, capace di pilotare da remoto droni dotati di sensori e di gestirne i dati rilevati durante la “missione”.

«Con Hack in The Lab vogliamo incoraggiare un processo di open innovation in azienda grazie al quale, le idee di tutti, sviluppate tramite la formazione e il gioco di squadra, prendono forma e diventano soluzione innovative per migliorare i nostri servizi» spiega Roberto Trentini, direttore Hr di Elmec Informatica. L’azienda di Brunello ha fatto dell’innovazione il suo punto di forza, investendo negli ultimi tre anni oltre 70 milioni di euro in infrastrutture innovative come il nuovo Data Center Tier IV. «Abbiamo scelto Openstack come tecnologia alla base del contest perché è una competenza utilissima per i giovanissimi» conclude Trentini.

Hack in The Lab sarà messa a disposizione dall’azienda perle università e le scuole superiori del territorio.


© RIPRODUZIONE RISERVATA