Ricercatori da tutta Europa si sfidano a Varese per l’Atomiade
Dipendenti del Jrc saranno in gara

Ricercatori da tutta Europa si sfidano a Varese per l’Atomiade

Il capoluogo diventa capitale grazie alle Olimpiadi dei Centri di Ricerca in scena nel giugno 2018

È Varese la terra scelta per la prossima Atomiade: le Olimpiadi dei Centri di Ricerca Europei, un grande evento di valorizzazione territoriale grazie alla sinergia tra Joint Research Center di Ispra, Camera di Commercio e Comune di Varese che porteranno sul nostro territorio, a giugno del prossimo anno, un migliaio di atleti-ricercatori.

Saranno una ventina le discipline sportive che vedranno in gara gli appartenenti al network Asceri, che comprende circa quaranta istituti di ricerca di sedici Stati europei (non solo appartenenti all’Unione Europea) che vanno dalla Spagna alla Russia, dalla Svezia alla Svizzera.

Oltre quarant’anni di gare

Da oltre quarant’anni, ogni tre anni, si disputano infatti manifestazioni invernali ed estive che, oltre alla valenza agonistica, si caratterizzano per essere importanti momenti di scambio culturale e di convivialità.

Il Comitato Organizzatore – impegnato in una proposta di eventi sportivi molta varia andando dal badminton al calcetto, agli scacchi e al go kart, solo per segnalarne alcuni – è composto da dipendenti del Jrc, col supporto del Copas (Comitato Paritetico per le Attività Sociali del Jrc di Ispra e Siviglia). «Quella di Ispra sarà la sedicesima edizione dell’Atomiade estiva, quella più importante perché richiama in media un migliaio di atleti – sottolinea Paolo Pizziol, presidente del Comitato Organizzatore - Siamo lieti che, anche grazie all’aiuto dei diversi soggetti istituzionali scesi in campo, potremo dar vita a tre giornate che, ormai da tradizione, sono talmente divertenti e piacevoli da diventare irrinunciabili per i partecipanti».

Vantaggi al territorio

La manifestazione avrà dunque anche un importante impatto economico, sulla scia dell’impegno della Varese Sport Commission: «Accogliere un evento di portata europea come l’Atomiade – dice Giuseppe Albertini, presidente della Camera di Commercio – ci dà ulteriori stimoli nel dare continuità e ulteriore linfa a questa iniziativa che, come Camera di Commercio, abbiamo avviato con l’obiettivo di generare ricadute economiche e occupazionali e, più in generale, migliorare la qualità della vita sul nostro territorio».

Eventi insomma capaci accendere i riflettori sul nostro territorio, aggiunge Dino De Simone assessore allo Sport del Comune di Varese: «L’Atomiade porterà qui ricercatori-atleti da tutta Europa che potranno così conoscere e apprezzare i nostri luoghi più belli e la grande ricchezza di bellezze paesaggistiche e artistiche che il nostro territorio può vantare. Queste iniziative come il prossimo festival del Paesaggio Nature Urbane che da fine settembre si svolgerà a Varese rientrano proprio nella strategia di rilancio dei nostri territori e delle nostre eccellenze e aprire la città, farla conoscere e apprezzare è un modo per promuovere il brand Varese».


© RIPRODUZIONE RISERVATA