Sono arrivati i nuovi voucher. L’obiettivo spazzare via gli abusi
Archivio

Sono arrivati i nuovi voucher. L’obiettivo spazzare via gli abusi

Ma la Coldiretti polemizza: «Ritardi burocratici nei nostri settori»

Abrogati poi tornati i nuovi voucher si presentano in questi giorni in una formula: tra libretto di famiglia e contratto di prestazioni occasionali l’intento è quello di spazzare via gli abusi dei precedenti voucher anche grazie all’uso di una piattaforma informatica digitale dell’Inps.

Il Libretto famiglia può essere usato solo da persone fisiche che non esercitino attività professionale e quindi è lo strumento più adatto per lavori domestici, giardinaggio, pulizia, manutenzione, assistenza domiciliare, ripetizioni private. Mentre il contratto di prestazione occasionale riguarda i professionisti, i lavoratori autonomi, gli imprenditori, le associazioni, fondazioni ed altri enti di natura privata, oltre che le imprese del settore agricolo e le pubbliche amministrazioni.

Tutti contenti dunque? Non proprio. «Vendemmia, raccolta di frutta e verdura, lavoro in agriturismo, sono alcuni dei settori toccati dai ritardi burocratici dell’INPS che stanno ostacolando le aziende del Varesotto, e non solo, nell’utilizzo della nuova strumentazione che ha sostituito i voucher». spiega la Coldiretti provinciale nel commentare i ritardi nello sviluppo della procedura informatica dell’INPS, che non consente alle imprese agricole di utilizzare la comunicazione preventiva per un arco temporale di tre giorni, prerogativa che la legge attribuisce al settore agricolo proprio in ragione delle sue specificità.

«Non possiamo essere sempre noi agricoltori ad essere penalizzati dalla burocrazia» racconta il presidente della Coldiretti Varese, Fernando Fiori, nel sottolineare che «le attività agricole bloccate dalla procedura informatica dell’ente, fanno parte di quel tessuto economico che rende il nostro territorio unico in tutto il Paese».

Le ripercussioni di questo ritardo, continua Fiori, «hanno anche un enorme impatto sociale, andando a mettere a rischio opportunità di lavoro per i giovani studenti, i pensionati e i cassa integrati impiegati in agricoltura nell’attività stagionale».

La sospensione dei voucher — spiega la Coldiretti Varese—, la scorsa primavera, aveva di fatto segnato lo stop al lavoro di pensionati e studenti nelle nostre campagne, ma anche negli agriturismi e negli spacci delle imprese agricole, con un aggravio di costi per gli imprenditori.

«Auspichiamo, quindi, che al più presto venga superata questa difficoltà per consentire l’utilizzo delle nuove prestazioni occasionali, senza dare luogo a casi di lavoro abusivo» conclude il presidente Fiori.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti (0) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito. I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati. Accedi per commentare