Varese e Serbia più vicine. «Un ponte per il futuro»
Aime punta a costituire Aime Serbia Italia per favorire l’interscambio produttivo con in nostro territorio

Varese e Serbia più vicine. «Un ponte per il futuro»

Dopo lo sportello a Novi Sad, Aime Varese ospita gli imprenditori. «Favoriremo scambi produttivi e commerciali con la Vojvodina»

Una relazione sempre più stretta tra le imprese della provincia di Varese e la Serbia, per trovare nuove occasioni di business e opportunità di investimenti. A promuovere i rapporti tra il nostro sistema produttivo e quello serbo, è Aime Varese, l’associazione imprenditori europei, che ha aperto una sede a Novi Sad nel palazzo della fiera e della Camera di Commercio della provincia autonoma della Vojvodina.
Il direttore generale di Aime Varese Gianni Lucchina ha guidato la missione dell’associazione in Serbia dello scorso dicembre; un’occasione per incontrare diversi esponenti degli enti che supportano lo sviluppo territoriale e per organizzare una serie di servizi mirati all’accompagnamento delle imprese italiane in Serbia e viceversa. «Una collaborazione - spiega Lucchina - nata dopo il protocollo d’intesa siglato a Busto Arsizio lo scorso settembre e con la decisione della giunta di Aime di costituire Aime Serbia Italia, che favorirà l’interscambio produttivo e commerciale con la Vojvodina».

Viaggio ricambiato

Dopo la trasferta nei Balcani dell’associazione varesina, toccherà alla delegazione serba venire nel nostro territorio. Lunedì Aime Varese ospiterà una folta rappresentanza della Vojvodina e presenterà ad un nutrito gruppo di imprenditori le opportunità che questa della regione serba offre alle aziende. Prima dell’incontro con gli imprenditori, fissato alle 16 nella sala conferenze della Provincia di Varese, sono previsti due momenti istituzionali.
«Nel corso dell’incontro con gli imprenditori - afferma Lucchina - presenteremo tutte le opportunità che la Serbia offre e le modalità e le procedure di accompagnamento delle nostre imprese ed il sistema dei servizi che Aime ha organizzato per rendere efficace ed efficiente questa attività».

Tra politica ed affari

La giunta dell’associazione di categoria ha nominato come responsabile di Aime Serbia Italia Stefano Gussoni. La delegazione della provincia autonoma della Vojvodina sarà composta da Miroslav Vasin, vicepresidente e assessore all’Economia, Slavisa Grujic assessore alla Cultura, Sinisa Lazic direttore del Fondo Affari Europei e Olivera Kovacevic, consulente per gli investimenti.
Il primo appuntamento istituzionale avrà luogo lunedì mattina alle 10 nella sala consiliare di Busto Arsizio per l’incontro tra Aime, delegazione serba, il sindaco Gigi Farioli, l’assessore regionale Francesca Brianza. Alle 14.30 a Villa Recalcati, incontro con il presidente della Provincia Gunnar Vincenzi, il sindaco di Varese Attilio Fontana, il vicepresidente della commissione Attività Produttive della Camera Angelo Senaldi e il segretario della Camera di Commercio Mauro Temperelli; alle 16, l’incontro con gli imprenditori.


© RIPRODUZIONE RISERVATA