Lunedì 03 Ottobre 2011

Condannati per il furto
alla moglie di Maroni

VARESE Tutti condannati e a tempo di record: nemmeno un anno dopo il furto della borsetta di Emilia Macchi, alias lady Maroni (nella foto), moglie del ministro dell'Interno, ecco che in tribunale sono stati giudicati i tre imputati - ovvero chi il 17 novembre dello scorso anno aveva materialmente messo le mani sulla borsa, trafugandola dalla Panda parcheggiata davanti al cimitero di Lozza - Ronny Wiess, 20 anni. e i due pizzaioli marocchini di Monza - Raed Algala, 37 anni e Mohamed Shafie, 30 anni - che hanno acquistato i telefoni della signora Maroni.


La borsa conteneva il portafoglio con duecento euro, effetti personali e documenti e due telefoni cellulari. Un venditore di fiori di origine cingalese aveva assistito al furto ed aveva cercato di inseguire il ladro senza riuscire a fermarlo. Tutti condannati a sei mesi dal giudice Rossella Ferrazzi, con i doppi benefici di legge della sospensione e della non menzione. Un quarto uomo, Alberto Labbiate, 46 anni, che guidava la macchina sfuggita all'inseguimento della polizia sotto le finestre della casa del ministro a Lozza, aveva già saldato il proprio conto patteggiando.


Davvero è stata notevole la sollecitudine nelle indagini. È emerso per esempio che nemmeno sei ore dopo avere inserito la propria sim card nei telefonini rubati, i due ricettatori si sono visti entrare in casa una intera squadra della polizia: grazie alla geolocalizzazione, i due apparecchi appena riattivati erano stati subito individuati.


È stato così possibile risalire anche a chi ha commesso il furto. Si tratta di un giovane, Ronny Weiss, che come il suo complice Alfredo Labbiate è di etnia Sinti e risulta formalmente residente nel campo nomadi di Desio. Entrambi erano stati arrestati il 3 febbraio scorso dai carabinieri a Barzago, nel Lecchese.

f.tonghini

© riproduzione riservata