Aspetti Maynor... E arriva una gran Varese

Aspetti Maynor... E arriva una gran Varese

Gli uomini di Caja anestetizzano l’appaludito ex e trovano un brillante successo dopo tre stop consecutivi. Capo d’Orlando va al tappeto grazie a un’ottima retroguardia e a un Cain da copertina: 10/10 al tiro, 14 rimbalzi

Aspetti Maynor e arriva un centro che fa della generosità e del lavoro una carta d’identità. Per una volta da sbattere in copertina, a seguito di una prestazione statisticamente clamorosa, praticamente perfetta.

Aspetti Maynor e arriva il giocatore che sugli almanacchi risulterà come suo successore. Un Calimero che a differenza del collega non finirà mai sulle passerelle cestistiche, ma che ieri ha adombrato la bellezza dell’ex con l’umile ruvidezza dell’applicazione difensiva.

Aspetti Maynor e arriva capitan Ferrero. Uno che come il compagno Tyler dove lo metti sta, che risponde presente sia quando parte in quintetto che quando lo fa dalla panchina. Uno che non ha paura di niente: di marcire in fondo alle rotazioni (Moretti who?), di sbagliare tiri su tiri, dei giudizi che lo ritengono inadeguato alla massima serie. Uno che ha pazienza: e infatti la sua ora arriva sempre.

Aspetti Maynor e arriva Matteo Tambone da Graz. Arriva con una tripla che in unico fruscìo di retina si porta via la tristezza di mesi di errori, quelli che ai tiratori - che vivono per i ciuff domenicali - fanno male dentro. Un canestro, un simbolo, il benvenuto di un campionato in cui nessun esordiente può permettersi di dire bugie: serve lavoro e serve sudore per essere accettati. Nel battesimo anche Matteo lascia il suo ricordo all’ex di turno, contribuendo insieme al socio Cameron ad azzerarlo (1/6 da tre e un solo assist per Eric da Raeford, North Carolina).

Aspetti Maynor e arriva Ale il serbo, la frenesia al potere che un allenatore di Pavia sta riuscendo a incanalare sui binari della produttività. Difesa asfissiante, primo passo fulminante, manca ancora il tiro ma ci stiamo lavorando: il talento grezzo di Avramovic da qualche tempo a questa parte serve a qualcosa. È questa la notizia.

Aspetti Maynor e arriva Attilio Caja. Che non se ne era mai andato, per carità, ma che ieri ha dimostrato una volta di più di non essere un Narciso innamorato delle proprie scelte strategiche, di avere la malleabilità per essere concavo e convesso a servizio del bene della sua squadra, di avere in pugno il corpo e soprattutto la mente dei suoi giocatori. Anche dopo tre sconfitte. Cain e Hollis in quintetto base sono una mossa che dice tanto: a) non c’è gerarchia solidificata che sia più importante del momento, del lavoro e dell’opportunità; b) quando serve sostanza l’Artiglio sa dove pescare (vedi Cain al posto di Pelle); c)non ci sono nè figli, né figliastri in questa squadra: Caja ci prova e ci proverà con tutti. E fa nulla se Hollis non si dimostra in grado di sfruttare l’occasione: state certi che arriverà anche il suo momento.

Aspetti Maynor e arriva Varese.

Che risponde presente dopo un mese e oltre di digiuno. Che doveva fare di più in attacco rispetto alle ultime partite e ci riesce, dando finalmente plasticità realizzativa a quanto costruisce (59% da 2, 37% da 3) e trovando il modo di giocare coinvolgendo tutti, anche quelli che stanno sotto canestro (19 assist).

Poi il +24 lo leggi nella difesa, attenta sullo spauracchio con il numero 3 ma anche su tutti i suoi compagni, pronta nei cambi sistematici, dura sulla palla (11 recuperi), ispiratrice di tanti contropiede che fanno anche spettacolo. Se alla proverbiale chiave tecnica di questo gruppo (l’abnegazione difensiva, appunto) si aggiunge anche l’imprevedibile offensivo, se alla costante si aggiunge la variabile, beh... questa Openjobmetis non solo vince: esagera. Più 31 contro Cantù, +27 contro Trento, +24 ieri: tre indizi fanno una prova.

E in un successo più buono di una lasagna dopo un mese di brodini insipidi, in un successo che mantiene Varese lì dove deve stare, tra il fondo e il mezzo della classifica (ovvero lì dove rimane lecito il sogno di qualcosa di più ma soprattutto - è la cosa più importante - si può essere esenti da preoccupazioni), spiccano tanti singoli. Quelli già citati - Cain: 39 di valutazione, 10/10 dal campo, 14 rimbalzi; Ferrero 14 punti, 2/2 da 3; Wells solo 4 punti ma 7 assist; Avramovic 9 punti e ben 6 assist in 18 minuti- e quelli che ancora non hanno avuto menzione. Su tutti Stan Okoye, 14 punti silenziosissimi, conditi da 5 rimbalzi. Una conferma, più che un arrivo, nel giorno in cui si aspettava Maynor.

LA CRONACA

Due mosse di Caja per lo starting five: Cain al posto di Pelle e Hollis al posto di Ferrero. La prima paga, la seconda no. Il centro segna 10 punti in 8 minuti, reattivo e ben servito; l’ala non è precisa, 0/4 con tiri aperti prima di essere panchinato dall’Artiglio. La garra dell’ex Forlì, ben coadiuvata dalla verve di Avramovic, spingono la Openjobmetis, che prima arranca davanti alle triple di Ikovlev, poi registra una difesa che sale di tono (anche su Maynor) e trova lo slancio per il +3 del 10’ (17-14 con tripla di OKoye). La strada è giusta: a poco a poco la Betaland si stacca. L’agonismo difensivo di Ferrero, poi Tambone, che finalmente si sblocca dalla distanza, poi ancora la retroguardia ermetica, che costringe Capo a ragionare troppo: si passa dal 26-24 (canestro di Delas), al 38-24 (liberi del Matteo ex Ravenna), con ancora il capitano a segno e anche Waller che esulta dalla distanza. Un antisportivo fischiato a Wells su Maynor permette agli ospiti di respirare (38-27), prima che Waller e Wojciechowski si rispondano da oltre l’arco, fissando il 41-30 della seconda sirena.

Al ritorno in campo sono gli attacchi a farla da padrone: buon per la squadra in vantaggio, buon per Varese. Se Maynor in zingarata e le bombe di Kulboka danno respiro al punteggio dei siciliani, le triple di Okoye, di Waller e di Ferrero permettono ai padroni di casa non solo di mantenere il margine di vantaggio, ma di incrementarlo, con Cain bravo a farsi trovare pronto sotto canestro e a correggere ogni eventuale errore dei compagni. Il tassametro corre per i biancorossi: 4 in fila di Tyler fanno scoccare il +20 (67-47) poco prima della terza pausa.

Il 6-0 nell’incipit dell’ultima frazione (Okoye, Cain e Pelle), mette in ghiaccio la contesa (73-47 al 32’). Seguono 5 minuti di errori da una parte e dall’altra (3 palle perse quasi consecutive per la Openjobmetis), interrotti da una bella sortita di Avramovic e da un canestro di un Cain simbolo della perfezione (79-58). Il serbo segna anche dai 6,75, Natali entra e recupera un pallone: titoli di coda. Finisce 82-58.

IL TABELLINO:

Varese-Capo D’Orlando 82-58

VARESE Wells 4 (2-6, 0-3), Waller 9 (0-1, 3-7), Okoye 14 (3-6, 2-3), Hollis (0-1, 0-3), Cain 22 (10-10); Avramovic 9 (3-6, 1-2), Pelle 2 (1-2), Natali, Tambone 8 (0-1, 1-2), Ferrero 14 (4-6, 2-4). Ne: Bergamaschi, Seck. All. Caja.

CAPO D’ORLANDO Maynor 9 (2-4, 1-6), Atsur 10 (2-2, 2-9), Kulboka 9 (0-1, 3-9), Ikovlev 12 (4-8, 1-2), Delas 8 (4-4); Alibegovic 3 (0-2, 1-6), Ihring 2 (1-2, 0-1), Wojciechowski 5 (1-2, 1-2). Ne: Laganà, Stella, Donda. All. Di Carlo.

Arbitro Begnis, Borgioni, Giovannetti.

Note Da 2: V 23-39, C 14-25. Da 3: V 9-24, C 9-34. Tl: V 9-13, C 3-5. Rimbalzi: V 39 (10 off., Cain 14), C 27 (6 off., Ikovlev 9). Assist: V 19 (Wells 7), C 12 (Wojchiekowski, Ikovlev 3). Perse: V 11 (Okoye 3), C 14 (Kulboka, Delas 3). Recuperate: V 11 (Wells 4), C 7 (Atsur 3). Usc. 5 falli: nessuno. Spettatori: 3.731.


© RIPRODUZIONE RISERVATA