Partita da vincere? No, ma se vinci...  Varese, attenzione all’esame Trento
Attilio Caja

Partita da vincere? No, ma se vinci...

Varese, attenzione all’esame Trento

I vice campioni della Dolomiti Energia stasera al PalA2A. Caja: «Atletici ed energici, da affrontare con equilibrio»

Un intero cammino in due categorie. La prima: le partite da vincere.

La seconda: le partite che, se vinci, …

Gli esempi possono aiutare. Cantù in casa e Pistoia idem appartengono al primo insieme. Brescia da affrontare lontano dalle mura amiche (e a maggior ragione Milano e Venezia, ovunque incontrate) al secondo. I criteri della scelta? La qualità dei tuoi avversari, in primis, e gli obiettivi che ti sei prefissato poi.

Strappare due punti a Red October e The Flexx serve semplicemente a mettere fieno in cascina in una corsa salvezza che non ammette errori: chi li commette, cioè chi si fa sfuggire vittorie alla propria portata perché da conquistare contro squadre dello stesso valore o di un valore non così (tanto) diverso, semplicemente retrocede.

Espugnare il Forum, Montichiari o ottenere lo scalpo dei campioni d’Italia serve invece ad ampliare gli orizzonti: ne vinci una, ne vinci un’altra e un 13° posto diventa magari 10°; ne vinci un’altra ancora e diventa 8° o 7°. Come una gara di salto in alto, come una continua verifica della propria forza paragonata a quella altrui.

Tutta sta pappardella per significare cosa? Semplice: che Openjobmetis Varese-Dolomiti Energia Trentino entra di diritto ne “le partite che, se vinci, …”. E lo stesso varrà contro Avellino e Sassari, i successivi impegni di un calendario che ha tolto dal mirino pezzi da novanta come Ea7 e Umana ma che non può certo definirsi in discesa per la truppa di Attilio Caja.

Dalla teoria (vice campioni d’Italia) alla pratica (squadra lunga, attrezzata per prendere parte anche all’Eurocup), l’esame odierno è difficile, soprattutto per un particolare che si tende troppo spesso a sottovalutare: «Trento ha confermato sette giocatori della passata stagione – ha fatto notare l’Artiglio ieri, in sede di presentazione – È un vantaggio incalcolabile rispetto a chi è costretto a cambiare ogni estate. Lo zoccolo duro dei nostri avversari (Forray, Baldi Rossi, Shields, in fortissimo dubbio per stasera, Gomes, Sutton, Flaccadori e Lechthaler ndr) è quello che temo di più».

E fosse solo quello: in estate il mercato ha aggiunto un lungo bonsai, atletico e grintoso come Chane Behannan (super carriera al college con Louisville, prima di essere sospeso da Rick Pitino per uso di marijuana), un play che oggi si giocherà il quintetto base con Toto Forray come Jorge Gutiérrez, una perla (soprattutto se in partenza dalla panchina) come Ojars Silins e un altro valido rincalzo come l’olandese Yannis Franke.

Il totale fa una squadra «contro la quale ci vuole grande attenzione – ha continuato l’allenatore pavese – Dovremo pareggiare la loro energia e il loro atletismo: grazie a queste due caratteristiche la Dolomiti Energia sa difendere forte (è la formazione seconda nella classifica delle palle recuperate ndr), andare in contropiede, guadagnare tanti falli ed essere molto temibile nell’uno contro uno. Li troveremo agguerriti e consapevoli dei loro mezzi».

Chiaro allora il piano partita biancorosso: «Difendere di squadra cercando di non esporci a duelli individuali che ci vedono inferiori. E poi trovare il giusto equilibrio: non dobbiamo andare sotto ritmo ma nemmeno sopra, perché i ritmi altissimi non sono nelle nostre corde e contro Trento potrebbero essere pericolosi».


© RIPRODUZIONE RISERVATA