Nel salone Marelli&Pozzi si racconta Autodelta
La presentazione a Marelli & Pozzi

Nel salone Marelli&Pozzi si racconta Autodelta

Serata di notevole spessore sportivo e culturale alla concessionaria Alfa Fiat Lancia Marelli & Pozzi di Varese

VARESE - Serata di notevole spessore sportivo e culturale quella vissuta da un centinaio di appassionati di motori alla concessionaria Alfa Fiat Lancia Marelli & Pozzi di Varese, in collaborazione con il club Auto Moto Storiche Varese: qui i fratelli Giuseppe e Massimo Colombo hanno presentato il loro stupendo libro “Autodelta, l’ala veloce di Alfa Romeo” con racconti sportivi, episodi di vita di collaudatori, progettisti ed operai e incontri con piloti di ieri e di oggi e tecnici per un’Autodelta – Ala veloce dell’Alfa – capace di vincere ovunque nel mondo, finché politica dissennata e Fiat l’hanno dissolta.

La presentazione del libro a Varese è stata caratterizzata dalla presenza di una platea appassionata che ha applaudito Massimo Colombo e suo fratello Giuseppe, da anni consigliere culturale del Club Auto Moto Storiche Varese.

I due fratelli hanno tratteggiato in modo puntuale e rigoroso la storia del mitico reparto corse che aveva sede a Settimo Milanese. Il volume è frutto di una ricerca durata almeno sei anni dai due fratelli, uno giornalista con importanti trascorsi in politica e l’altro imprenditore, entrambi innamorati da sempre delle vetture del Biscione. Un’opera che non può mancare nella libreria degli appassionati e che analizza anno per anno, dal 1963 al 1984, le vicende appunto dell’Autodelta, voluta dal presidente Giuseppe Luraghi, dalla fondazione alle dimissioni del suo indimenticabile patron Carlo Chiti. Il tutto inserito nel contesto politico, sociale ed economico italiano dell’epoca, senza tralasciare le vicissitudini della Casa madre (la proprietà era dell’Iri). Un libro, arricchito da circa 90 fotografie, che andava scritto perché non c’era e che è di fatto una sorta di enciclopedia del mondo delle corse targate Alfa Romeo, mondo magico e spietato al tempo stesso perché come in tutte le storie di motori si ritrovano trionfi e tragedie.

Dalle scattanti, leggere e inarrestabili GTA alle più impegnative “33” a 8 o 12 cilindri fino alle monoposto di Formula 1, la squadra ha accumulato vittorie esaltanti (i trionfi nel campionato mondiale Marche nel 1975 e in quello Sport Prototipi nel 1977) e sconfitte brucianti, sempre però seguita da un numero altissimo di appassionati in tutto il mondo. Dalle corse sui più svariati circuiti del pianeta (da Monza a Le Mans, da Daytona a Watkins Glen, da Silverstone a Montecarlo) fino alle pericolose e affascinanti gare stradali, in mezzo ai 22 chilometri del Nurburgring o alle strade assolate della Targa Florio, passando per i rally e le gare di motonautica, l’Autodelta ha vissuto la sua storia con un carico di passione, entusiasmo e delusioni inimitabili, perché inimitabili erano gli uomini che ne facevano parte a partire dall’ingegner Carlo Chiti, burbero e sensibilissimo, geniale e infaticabile: l’Autodelta è stata soprattutto una sua creatura. Il volume ripercorre insomma un intenso ventennio sportivo grazie alle fonti dell’epoca, ai ricordi dei figli dei protagonisti, dei piloti e dei tecnici, e traccia per la prima volta in modo completo la storia di un nome e di un simbolo. Nel 1984 problemi finanziari, politici e sindacali, uniti alle delusioni della Formula 1 (l’Alfa rientrò nel Circus dal 1976 al 1979 come fornitrice di motori alla Brabham e poi come costruttore in proprio dal 1979 al 1985) e alle fasi di vendita del marchio, imposero il cambiamento dei programmi sportivi della Casa di Arese. Chiti lasciò la società: due anni dopo l’Autodelta sarà sciolta e i capannoni di Settimo Milanese destinati ad altri usi motoristici.

© RIPRODUZIONE RISERVATA