Il controllo di vicinato fa sempre più proseliti a Gallarate

Il controllo di vicinato fa sempre più proseliti a Gallarate

Sempre più quartieri interessati al progetto. Ed ecco il vademecum per vacanze sicure

Si avvicina per quasi tutti ormai il rientro dalle vacanze. E ogni volta che si chiude la valigia, e di conseguenza la casa, la paura che passa per la mente è sempre una: siamo sicuri di aver fatto tutto il necessario per mettere in sicurezza la nostra abitazione? A dare qualche consiglio è Walter Valsecchi, presidente del gruppo di Controllo del Vicinato Alto Milanese.

Come sta andando il processo di adesione a Gallarate?


Devo dire davvero bene. All’ultimo incontro che abbiamo fatto a Cajello erano presenti molti cittadini che volevano capire come funziona il Controllo del Vicinato e come è possibile aderire. Dopo le vacanze estive sono sicuro che si aggiungeranno molte altre vie gallaratesi, le raccolte firme sono già iniziate. In ogni comune c’è un coordinatore, che può essere cittadino o membro della polizia locale, a cui ci si può rivolgere per avere maggior informazioni e capire quali sono le aree che hanno aderito.

Secondo lei come mai in molti decidono di aderire al progetto?

Sono molti i cittadini che vogliono contribuire per rendere la propria città un posto più sicuro. Un punto voglio che sia sempre ben chiaro: noi non facciamo ronde ma segnalazioni che possono aiutare a prevenire o arginare situazioni che vanno dal tentativo di truffa all’abbandono dei sacchi dell’immondizia, allo scoppio di un incendio o alla presenza di auto abbandonate. Applichiamo quella la “Teoria dei vetri rotti”, se lascio deteriorare una cosa, anche ciò che lo circonda si deteriora ed a volte anche più velocemente.

A proposito di vacanze, quali consigli può dare prima della partenza?

Come associazione, ogni anno prepariamo un piccolo decalogo, una sorta di check-list da tenere presente e da seguire prima di mettersi in viaggio.

1. Avvisate i vostri vicini di casa della vostra partenza lasciando il vostro recapito telefonico, sarà più facile contattarvi in caso di necessità. Chiedete anche se vi possono ritirare la posta.

2. Se avete un sistema di allarme e/o videosorveglianza assicuratevi di inserirlo (verificate lo stato delle batterie di emergenza), inserite il numero dei vostri vicini di casa nella lista chiamate.

3. Se i vostri rapporti sono consolidati non abbiate paura di lasciare anche le chiavi di casa, potranno andare a bagnare le piante e a controllare il buon funzionamento degli impianti creando movimento in casa.

4.Assicuratevi di aver messo al sicuro il libretto di circolazione e le chiavi dell’auto e aver chiuso correttamente i vostri garage.

5.Chiudete bene porte e finestre togliendo le chiavi interne.

6. Non lasciate eventuali attrezzi da giardino all’esterno (o in terrazza) e portate all’interno delle vostre case eventuali cassette degli attrezzi e/o utensili di valore.

7. Se per forza di cose dovete lasciare biciclette all’esterno, utilizzare lucchetti anti scasso e attaccateli ad eventuali ringhiere o comunque a qualcosa che non possa essere spostato

8. Lasciate una luce accesa all’interno della casa, se avete delle tapparelle fate in modo che possa essere visibile dalle fessure. Se avete luci nelle terrazze lasciatele accese.

9.Controllate di non aver lasciato nulla di appetibile in vista all’interno di giardini o terrazze, stessa cosa all’interno delle auto se le lasciate negli spazi condominiali e/o parcheggi esterni.

10. Attenzione alle foto che postate sui social network e che testimoniano la vostra assenza. Piuttosto, pubblicato un reportage al vostro ritorno.


© RIPRODUZIONE RISERVATA