Denis Buosi incanta i palati milanesi
LDenis Buosi allo Sweety of Milan, l’evento dedicato alla pasticceria. Le proposte del varesino stanno avendo un grande successo di pubblico

Denis Buosi incanta i palati milanesi

Eccellenza - Il varesino tra i grandi della pasticceria italiana

Varese, con la fantasia «cioccolatosa» di Denis Buosi, è protagonista al Palazzo delle Stelline, dove ancora per la giornata di oggi è in corso Sweety of Milano. Si tratta dell’evento in cui la migliore pasticceria italiana incontra il grande pubblico dando la possibilità di partecipare a show cooking, masterclass e aree degustazione. Sono stati invitati 30 tra i più autorevoli Maestri Pasticceri Italiani, ciascuno con il proprio stand e, naturalmente, con i propri prodotti.

Le proposte

Le proposte di Buosi stanno avendo successo. Il pubblico, entrando, può acquistare degli “zuccherini” che valgono 5 euro l’uno e che vengono scambiati con le prelibatezze che si incontrano negli stand. Da Buosi, con uno zuccherino è possibile degustare cinque cioccolatini con frutta ed erbe aromatiche (l’alternativa è portarne via 4 in un’apposita scatoletta); oppure aggiudicarsi «il panino degli dei», una pietanza che coniuga l’aroma del cacao a una farcitura salata e che nell’ora di pranzo è andata alla grande. «Il pane è fatto con un impasto di cereali e cacao amaro – spiega Buosi – La farcitura è a base di maionese, mozzarella di bufala, pesce spada affumicato, pomodoro cuore di bue e insalatina». Per non lasciare nessuno scontento, Buosi ha proposto anche «il senza al cioccolato», un prodotto che non contiene lattosio e glutine e che viene cotto “in vaso”. È a base di cioccolato farcito con crumble alle mandorle, pezzi di pere e zenzero. Un “senza” soddisfa il palato di tre persone, e viene ceduto per tre zuccherini.

I numeri

Nella giornata di ieri i visitatori sono stati circa 7 mila. Oggi si replica. Nella splendida cornice del Palazzo delle Stelline, Denis terrà una masterclass dal titolo «Cioccolato… istruzione per l’uso». L’appuntamento è per le 16, in aula 2.


© RIPRODUZIONE RISERVATA