Prima il malore poi l’incidente. Muore donna di 77 anni
La donna è stata trasportata dai mezzi del 118 all’ospedale di Circolo. Dove è spirata due ore dopo (Foto by Archivio)

Prima il malore poi l’incidente. Muore donna di 77 anni

Lo schianto è avvenuto in via Marcobi. Ricoverata al Circolo, l’automobilista è morta due ore dopo

CASALE LITTA - Tragico incidente ieri a Casale Litta: nel terribile schianto in macchina ha perso la vita un’anziana di 77 anni, Agnese Brusa.

Secondo le prime ricostruzioni, l’automobilista, classe 1940, stava scendendo da Casale Litta a Mornago. A un certo punto per motivi ancora in fase di accertamento ha perso il controllo della macchina sulla quale stava viaggiando finendo fuori strada, nella zona boschiva. L’avevano ricoverata in prognosi riservata all’ospedale di Circolo di Varese, ma nel giro di un paio d’ore, purtroppo la donna è deceduta. Il quadro clinico era critico.

Le cause dello schianto non sono state ancora definite con esattezza, anche se: ric stando alle prime informazioni, la donna potrebbe anche aver accusato un malore. Non si spiega altrimenti il fatto che sul posto non sarebbero state ritrovate tracce di frenata. La donna, da sola in macchina, al volante dell’autovettura all’altezza di via Walter Marcobi, in un tratto di strada anche abbastanza aperto neppure apparentemente pericoloso, sarebbe andata dritta finendo fuori dalla carreggiata. Non ci sono stati altri mezzi coinvolti nello schianto. Le conseguenze del violento schianto sono state pesanti. Nel botto, infatti, la signora aveva riportato diversi traumi. Ferite tanto gravi da metterne subito a repentaglio la vita stessa. Sul luogo dell’incidente sono intervenuti i mezzi di soccorso del 118, oltre ai carabinieri della stazione di Mornago, coordinati dai colleghi della Compagnia di Gallarate. I mezzi di soccorso l’hanno subito trasferita in ospedale, ma non c’è stato nulla da fare. I carabinieri si sono soffermati a lungo nella zona dell’incidente per ricostruire con esattezza come si sono sviluppati i fatti.


© RIPRODUZIONE RISERVATA