Falcone e Borsellino in scena E tutto il resto è silenzio

Normal
0
14

false
false
false

MicrosoftInternetExplorer4

st1:*{behavior:url(#ieooui) }

/* Style Definitions */
table.MsoNormalTable
{mso-style-name:”Tabella normale”;
mso-tstyle-rowband-size:0;
mso-tstyle-colband-size:0;
mso-style-noshow:yes;
mso-style-parent:””;
mso-padding-alt:0cm 5.4pt 0cm 5.4pt;
mso-para-margin:0cm;
mso-para-margin-bottom:.0001pt;
mso-pagination:widow-orphan;
font-size:10.0pt;
font-family:”Times New Roman”;
mso-ansi-language:#0400;
mso-fareast-language:#0400;
mso-bidi-language:#0400;}

VARESE Requiem per Falcone e Borsellino al Teatro Nuovo. Prima rappresentazione domani sera, dalle 21, in viale dei Mille, 39, a Varese. La compagnia Giorni Dispari Teatro e la scuola del Teatro Nuovo presentano “Il resto è silenzio”, uno spettacolo teatrale dedicato al ventesimo anniversario delle stragi di Capaci e via D’Amelio. Uno spettacolo teatrale ideato da “Giorni Dispari teatro nuovo” e “ScuolaTeatroNuovo” con la regia di Serena Nardi.
Un requiem in morte di Giovanni Falcone e Paolo Borsellino, in prima rappresentazione, con accompagnamento musicale dal vivo con un trio d’archi,

violino, viola, violoncello, e materiale scelto a cura degli allievi del terzo anno della Scuola di Teatro.
Lo spettacolo vuole ridisegnare nella memoria, con un tratto leggero ma indelebile, le figure di Falcone e Borsellino attraverso le loro stesse parole. Vengono utilizzati solo i loro scritti, i diari, gli appunti, i dialoghi tratti dalle sceneggiature dei film; nessun articolo giornalistico, nessun saggio, nessuna voce esterna, per ricordarli come loro avrebbero voluto essere raccontati. Senza ideologie e senza giudizi: solo come due servitori dello Stato.
«Io e gli allievi della Scuola del Teatro Nuovo abbiamo fortemente voluto dedicarci ad allestire questo spettacolo a vent’anni esatti dall’uccisione dei due magistrati. L’abbiamo sentito come un dovere morale, direi quasi spirituale – spiega Serena Nardi – Abbiamo pensato a una forma di sacra rappresentazione cui tutti vogliamo assistere in prima persona, come attori ma anche, e nel contempo, come spettatori».
In scena Moreno Valenzano, Deborah Lombardo, Lorenzo Bollati, Valentina Zanini, Giulia Terminia, Anna Maria Carnovale, Federico Roversi, Alessandro Roaro, Chiara Merlotti, Monica Muri, Susanna Tadiello, Roberto Bertoldi, Alessandra Pessina ed Elisa Barisoni, oltre agli allievi del liceo musicale di Varese.
«Uno spettacolo nato per ridisegnare nella nostra memoria, con un lama sottile che penetri sin nelle vene, le figure di Giovanni Falcone e Paolo Borsellino attraverso le loro stesse parole. Quelle parole che adesso ci servono per ricordare gesti, emozioni e scelte dalle quali non è stato possibile tornare indietro».
 paura muore ogni giorno, chi non ha paura muore una volta sola”».
Ad accompagnare la rappresentazione, Francesco Postorivo, al violino e Fabio Sioli, al pianoforte. Biglietti disponibili per il posto unico a dieci euro, ridotto otto. Info: Teatro Giorni Dispari, tel. 339/88.70.121 – 339/54.61.229.

s.bartolini

© riproduzione riservata