Il Sos Malnate ricorda il sorriso di Federica

Un concerto a Varese dedicato alla giovanissima volontaria. Il nuovo veicolo medico acquistato porterà ancora il suo nome

– Dalla Scala di Milano a Varese nel segno di Federica. Il baritono sarà a Varese per un concerto benefico dedicato al ricordo di la volontaria del Sos Malnate vittima 13 anni fa di un incidente stradale. Sarà una giornata speciale quella di sabato 13 febbraio: una giornata organizzata dall’associazione Sos Malnate, in nome e nel ricordo di Federica. Lo stesso giorno verrà anche inaugurata a Casbeno la nuova auto per il trasporto organi ed emoderivati del SOS Malnate dedicata proprio alla giovane volontaria.

In serata, a partire dalle 21, nella Chiesa di San Vittore Martire di Casbeno si terrà un concerto straordinario del baritono Leo Nucci con l’Italian Chamber Ensemble. Un modo per ricordare Federica e ringraziare tutte le persone che con generosità hanno contribuito all’acquisto di un automezzo speciale per il trasporto organi ed emoderivati.Il baritono, che si è esibito nei maggiori teatri di tutto il mondo e che alcuni giorni fa ha ottenuto un grandioso successo alla Scala di Milano con il Rigoletto, canterà per una causa altrettanto grande: sostenere l’acquisto

dell’auto del Sos  Malnate per il trasporto emoderivati dedicata al ricordo di Federica. Il mezzo era andato distrutto in un incidente, ma grazie alla sensibilità di molte persone ne è stato acquistato uno nuovo. Sarà una giornata di grande emozione e commozione. Federica è scomparsa 13 anni fa: era il 9 maggio 2003, all’età di soli 17 anni in un incidente stradale alla fine di Viale Europa a Varese.

Era una studentessa del Liceo “Cairoli” e da grande sognava di diventare medico. Una ragazza dolce, sensibile, matura che amava il teatro e i cantanti lirici e mostrava un particolare interesse per il baritono Leo Nucci. La sua breve vita ha lasciato un segno indelebile, che però non si spegne. La sua figura continua a essere ricordata con grande affetto e soprattutto è uno sprone a fare sempre meglio nel campo del sociale. Fin da subito mamma e papà hanno voluto mantenere vivo il suo ricordo con la donazione degli organi e anno dopo anno, hanno organizzato molte iniziative di solidarietà a favore del SOS Malnate per salvare altre vite.