Ucciso in casa dal monossido a 39 anni
Inutile l’intervento di vigili del fuoco e soccorritori: Christian Pramotton (nella foto piccola) era morto da due giorni , ucciso dal monossido

Ucciso in casa dal monossido a 39 anni

Dramma a Curiglia: Christian Pramotton, falegname, tradito da un generatore elettrico a benzina. Faceva il falegname, era in paese per sistemare la casa dei genitori. Il gas lo ha stordito nel sonno

CURIGLIA CON MONTEVIASCO - Monossido killer: muore intossicato un falegname di 39 anni. Il gas assassino sarebbe stato liberato da un generatore di corrente elettrica alimentato a benzina. È stato trovato ormai esanime Christian Pramotton, nato a Ivrea e residente a Donnas in provincia di Aosta dove era titolare di una falegnameria artigianale. I soccorritori l’hanno ritrovato disteso a letto, sdraiato sulla pancia nell’abitazione che la sua famiglia possiede a Curiglia al civico 1 di via Leoni.
A dare l’allarme, poco prima delle 10 di ieri mattina, è stato lo stesso sindaco di Curiglia con Monteviasco: in un paese piccolo piccolo il fatto che Pramotton non si vedesse in giro da un paio di giorni ha destato allarme.

Maggiori approfondimenti su La Provincia di Varese in edicola oggi, giovedì 12 marzo.


© RIPRODUZIONE RISERVATA