Mercoledì 17 Agosto 2011

In piena forma sotto la canicola
Genoni: "Attenti al vino bianco"

BUSTO ARSIZIO Bere molto, privilegiare alimenti come frutta e verdura, evitare gli alcoolici, anche se freschi ed apparentemente leggeri. Ma soprattutto non affidarsi a ricette "fai da te" che, oltre a funzionare male, rischiano di compromettere la salute. Ecco i consigli generali per la dieta, in questi ultimi (ma intensi) scampoli di estate, di un esperto bustocco, Paolo Genoni, specialista in Scienze dell'alimentazione indirizzo dietologico. Che, tra le dritte per apparire in forma e le avvertenza per i soggetti a rischio, ricorda: «La parola "dieta" deriva dal greco. E nella sua etimologia, non significa "restrizione" o rinuncia", ma piuttosto "regola" o "stile"».
«Anche in estate, con il caldo e l'esigenza di mettersi in forma, non bisogna certo rinunciare a mangiare - spiega Genoni - Se in funzione delle esigenze del periodo e se si è sovrappeso piuttosto questa può essere l'occasione per darsi una "regola" alimentare, da mantenere durante tutta la vita».
L'errore da evitare è affidarsi ciecamente a diete fatte in casa: «Spesso le diete "dell'anguria" o "del minestrone" che compaiono sui giornali costituiscono dei veri e propri suicidi metabolici - mette in allerta il medico - comportano una perdita della componente muscolare e quindi di massa magra, con un deficit nel metabolismo che produce il tragico effetto "yo-yo": un'altalena del peso, più che una riduzione efficace».
Attenzione poi perché «come ribadito dal Consiglio superiore di Sanità, la dieta, anche in un soggetto sano, non obeso, non diabetico o con insufficienza renale, è un atto medico e come tale è da trattare».
Quindi è sempre necessario rivolgersi ad uno specialista? No. «Lo specialista è da consultare necessariamente in presenza di un problema di salute - chiarisce Genoni - Ma per perdere 2-3 chili di troppo è sufficiente informarsi nel modo giusto, magari consultando le riviste specializzate o il sito internet dell'Istituto superiore di Sanità».
I consigli generali sono sempre gli stessi: «Aumentare l'attività fisica, ridurre il contenuto di grassi e non bere alcoolici sono le regole chiave - ricorda il medico - è importante non cercare soluzioni "facili", per lo più dannose. Per chi vuole perdere peso le raccomandazione sono semplici. Bere in abbondanza, a meno che non ci siano controindicazioni con insufficienze renali e cardiache. Scegliere un regime alimentare con poche calorie, preferendo alimenti ricchi d'acqua: frutta e verdura, ma anche pesce e carne cucinati anche in modo fresco. Non abolire però i carboidrati, come pasta, pane e riso. Attenzione piuttosto a ridurre gli alimenti conservati». Importantissimo poi ridurre l'alcool: «Un errore aumentare il consumo di aperitivi, cocktail e bibite alcooliche. O di vino bianco, che è più nocivo del rosso».
<+G_FIRMA>Piero Orlando

e.romano

© riproduzione riservata