La grande sfilata delle 600 che fa bello il Varesotto

La grande sfilata delle 600 che fa bello il Varesotto

Grande successo per la terza edizione del Tour non competitivo di auto storiche

Sole e bel tempo hanno illuminato e fatto da cornice in questo fine settimana alla terza edizione della 600 in Tour, giro turistico non competitivo delle Fiat 600 storiche tra il lago Maggiore e quello di Monate. Più di venti gli equipaggi che hanno partecipato alla due giorni che ha visto la presenza anche de La Provincia di Varese come media partner.

Le tappe e il tiglio

Sabato pomeriggio la carovana ha esposto le auto in piazza Guarana a Sesto Calende per poi fare un giro per le vie interne della città piena di turisti che non si sono fatti scappare l’opportunità di scattare una foto alle auto che hanno motorizzato l’Italia nel dopoguerra.

Auto storiche del 1° Club nazionale Fiat 600 di Besozzo che con il consigliere delegato al Turismo del Comune di Cadrezzate Marco Squizzato e l’associazione Cadrezzate nel Cuore hanno organizzato la manifestazione. La seconda giornata della 600 in Tour è partita ieri mattina presto dalla stazione ferroviaria di Besozzo dove il Club ha la sua sede per poi dirigersi a Travedona Monate alla sede del Club Ferrari, altro marchio che ha fatto la storia automobilistica del nostro Paese.

Dopo la colazione offerta dalla Pro Loco di Travedona Monate e una foto con la madrina dell’evento, Giulia Lo Balbo, miss Millennium 2016, la carovana delle Fiat 600 d’epoca si è spostata a Besozzo, ospite della Pro Loco all’interno della “Prima-Vera-Festa”. Tappa successiva a Osmate, di nuovo sul lago di Monate, a Osmate ospiti della Pro Loco e dell’amministrazione comunale che ha inaugurato il nuovo tiglio che ha sostituito il vecchio esemplare ormai pericolante. Ad inaugurarlo i bambini delle scuole che hanno letto delle poesie, tagliato il nastro e anche trovato un nome al nuovo tiglio, “il guardiano di Usmàa”, che è stato piantumato all’esterno del cimitero del piccolo Comune lacustre, per vegliare sui defunti e proteggere il paese.

Una “classica”

Gran finale all’oratorio di Cadrezzate, per il pranzo e le premiazioni degli equipaggi e di tutti coloro che hanno collaborato alla buona riuscita di quella che ormai è diventata una classica.

Tutti gli intervenuti, dal sindaco di Cadrezzate Cristian Robustellini, a quello di Osmate Emanuele Duca, ai consiglieri comunali Marco Squizzato di Cadrezzate e Simone Pintori di Sesto Calende, oltre allo stesso presidente del Club Fiat 600 Salvatore Torre, hanno sottolineato l’importanza della collaborazione tra Comuni e associazioni per promuovere le bellezze del nostro territorio, a volte poco conosciute; obiettivo centrato anche quest’anno.


© RIPRODUZIONE RISERVATA