«In Europa cresciamo con orgoglio. E con Maynor veniamo per vincere»
Peppe Sindoni, eletto miglior dirigente del campionato 2016/2017 (Foto by Archivio web)

«In Europa cresciamo con orgoglio. E con Maynor veniamo per vincere»

Il direttore sportivo dell’Orlandina Peppe Sindoni verso la sfida a Varese: «Vogliamo la rivincita»

Domenica al PalA2A arriva l’Orlandina, società che in questa stagione, dopo il quarto posto dell’anno scorso, sta vivendo forse il punto più alto e il momento più bello della sua giovane storia.

La formazione siciliana allenata da De Carlo è inserita nel tabellone della Champions League e, pur con risultati non esaltanti (una vittoria e sei sconfitte finora), sta comunque vivendo un’esperienza particolare. L’inizio di stagione, nelle primissime partite, non è stato semplice ma gli ultimi due mesi hanno visto una squadra in grande crescita complice anche l’inserimento nel roster dell’ex Varese Eric Maynor.

Di questo parliamo con Peppe Sindoni, giovanissimo direttore sportivo (29 anni, premiato l’anno scorso come miglior dirigente del campionato) e artefice del “miracolo Orlandina”: «Negli ultimi mesi abbiamo fatto ampiamente ciò che dovevamo e potevamo fare. Siamo partiti con tre sconfitte consecutive, con Milano, a Bologna con la Virtus e con Pistoia, l’unica forse in cui potevamo fare di più. Però ci siamo riportati in classifica dove pensiamo di poter restare, abbiamo vinto gare importanti a Reggio Emilia e Sassari».

L’esperienza della Champions League sta regalando aria nuova e positiva al club: «Come società siamo contenti e pieni di entusiasmo, stiamo vivendo questa esperienza europea con lo spirito giusto, per migliorarci a tutti i livelli. Vogliamo vedere, conoscere, ampilare gli orizzonti. Manca qualche vittoria ma siamo consapevoli che può essere una esperienza importante per noi. Siamo al primo anno, ma questo ci permette di sviluppare una mentalità importante in maniera molto più rapida che giocando una volta sola a settimana».

Quindi no, a Capo d’Orlando nessuno si lamenta del doppio impegno: «Credo che l’esperienza europea sia un acceleratore di dinamiche - prosegue Sindoni - dopo tre mesi di stagione ci siamo ritrovati avanti di venti punti a Sassari, e negli anni passati non ci era mai capitato. Il doppio impegno va preso come una cosa positiva: quando ti siedi al tavolo a maggio ed intravedi la possibilità di partecipare ad una coppa, sai a cosa vai incontro. Ci stiamo confrontando a livelli mai provati prima, non possiamo lamentarci. Sai che è così fin dall’estate, nella costruzione abbiamo scelto di svecchiare la squadra e di creare un roster più profondo proprio in questa ottica. Però il doppio impegno ci permette di giocare contro il Paok Salonicco, ad esempio, siamo contenti ed onorati di farlo. Giochiamo il martedì per privilegiare anche il campionato, perché siamo una piccola squadra e dobbiamo comunque portare a casa la salvezza».

Immaginerà sicuramente che qualcuno la guarderà storto a Varese dopo essersi assicurato poche settimane fa Eric Maynor, idolo a Masnago: «Sono contento che a Varese Eric sia ben ricordato, lo avevamo percepito già l’anno scorso quando lui fu uno dei protagonisti delle otto vittorie in dieci partite della squadra di Caja, e noi fummo una delle vittime. Ed eravamo in un momento eccezionale. Con l’aiuto di Eric quest’anno proveremo a vincere, ci aspettiamo una partita molto fisica e molto tattica, ci attendiamo molta aggressività proprio su Maynor. Le tre sconfitte di Varese si faranno sentire, Varese avrà una massima attenzione e lotterà su ogni possesso come vuole Caja. Noi stiamo migliorando molto ma dipendiamo ancora dalle percentuali dei nostri molti tiratori. Però pensiamo di poter vincere e di portare a casa un risultato diverso rispetto alla stagione passata».


© RIPRODUZIONE RISERVATA