Malpensa hub per i voli intercontinentali? Nel progetto di easyJet è in pole position

Malpensa hub per i voli intercontinentali? Nel progetto di easyJet è in pole position

La compagnia low cost ha lanciato in questi giorni la piattaforma Worldwide per i i propri clienti

MALPENSA - Per Malpensa un futuro da “hub” delle connessioni intercontinentali low cost di easyJet? Intanto il traffico nello scalo della brughiera continua a crescere a due cifre: ad agosto più 14%.

È di ieri la notizia del lancio, da parte di easyJet, della piattaforma “Worldwide”, che permetterà ai viaggiatori di prenotare direttamente sul sito della compagnia aerea connessioni di lungo raggio operate da altri vettori.

Il servizio avrà come suo primo “hub” lo scalo londinese di Gatwick, che è la principale base operativa del vettore arancione, sfruttando GatwickConnects, un sistema di creazione di connessioni tra voli molto simile al “ViaMilano” di Sea a Malpensa e Linate. «Attualmente - l’esempio fatto dalla stessa easyJet in una nota - 200 mila persone prenotato i voli easyJet in connessione attraverso Gatwick autonomamente, ad esempio Malpensa-Reykjavik via Gatwick».

Nel secondo scalo londinese infatti i voli easyJet potranno essere messi in connessione con i collegamenti di Norwegian Air, la compagnia di Oslo che ha “aperto” le rotte low cost oltreoceano, e di WestJet, vettore canadese che permette di volare nel Nord e Sud America, ma anche fino a Singapore. «L’accresciuta connettività - si spiega - è dovuta ad una “piattaforma innovativa” creata da Dohop, azienda di motori di ricerca voli». Ma si tratta solo di un primo passo, perché l’obiettivo di easyJet è di allargare il network verso Oriente. È la stessa compagnia aerea ad annunciare che Worldwide in futuro verrà esteso «ad altri aeroporti chiave come Milano Malpensa, Ginevra, Amsterdam, Parigi-Charles de Gaulle e Barcellona».

Il secondo scalo europeo ad avvalersi del servizio di connettività intercontinentale low cost dovrebbe essere annunciato entro fine anno, e secondo il Corriere della Sera «Milano Malpensa sarebbe in pole position grazie alla presenza di “ViaMilano”, il servizio offerto dal gruppo Sea che consente di raggiungere oltre 180 destinazioni nel mondo con un transito da Malpensa su voli low cost o a bordo di “tradizionali”». Altri indizi condurrebbero in brughiera, a partire dal fatto che Emirates, che a Malpensa ha una solida presenza, sia una delle compagnie asiatiche con cui sono in corso trattative «molto avanzate» per una partnership nel servizio Worldwide. Se già fin da subito i passeggeri in partenza da Malpensa potranno sfruttare i vantaggi del nuovo servizio di connettività, volando in tutto il mondo con uno scalo a Gatwick, la prospettiva di un allargamento di Worldwide a Malpensa potrebbe far diventare lo scalo varesino, perlomeno virtualmente, una sorta di hub intercontinentale low cost di easyJet. Una novità che ha già scatenato le discussioni sul forum dei “malpensofili” di Aeroporti Lombardi, tra chi la ritiene «potenzialmente rivoluzionaria» per Malpensa e chi ne minimizza la portata considerandola semplicemente come una nuova versione di ViaMilano. In attesa di scoprire le prossime mosse di easyJet, c’è da registrare un nuovo balzo in avanti dei numeri di traffico dello scalo: i dati di agosto 2017, ottenuti in anteprima da Aeroporti Lombardi, fanno segnare un nuovo, confortante, più 14,1% nei passeggeri, a fronte del “segno meno” (meno 1,4%) fatto registrare da Linate. Ennesima conferma di un trend verso i livelli di traffico pre-dehubbing di Alitalia del 2007.


© RIPRODUZIONE RISERVATA