Il massimo di scherma e taekwondo Busto capitale
Daniele Garozzo, Valerio Aspromonte, Alice Volpi, Camilla Mancini e Carolina Erba: sono i campioni di scherma che ieri hanno dato spettacolo, e fatto da maestri, davanti agli studenti dell’Ite Tosi di Busto Arsizio (Foto by Varese Press)

Il massimo di scherma e taekwondo Busto capitale

Giornata speciale all’Ite Tosi: i campioni di fioretto hanno dato spettacolo davanti agli studenti

Uno sport così bello ed emozionante, solo a Busto: sempre più città olimpica, sempre più capitale. Ieri parata di campioni all’Ite Tosi per la giornata della scherma con gli studenti, oggi e domani 1600 atleti di taekwondo in gara al PalaYamamay per la prestigiosa Insubria Cup.

Vedere il campione olimpico in carica di fioretto Daniele Garozzo in pedana contro l’oro a squadre di fioretto a Londra 2012 Valerio Aspromonte non è da tutti i giorni. Vederli sfidarsi nell’aula magna dell’Ite Tosi, scuola d’eccellenza della città, è una vera chicca. Ma a Busto succede anche questo.

E succede anche che oggi, appena un giorno dopo, arrivi in città un altro oro olimpico, quello del taekwondo di Londra 2012 Carlo Molfetta.

Ecco che capitale dello sport non è una definizione esagerata. Alla storica “ragioneria” di viale Stelvio ieri si è tenuto un evento straordinario, voluto dall’Ite insieme ad associazione Noi del Tosi e Fondazione Merlini: “A scuola di scherma” ha coinvolto l’intero istituto in una giornata di esercizi in palestra, alla presenza dei campioni (Garozzo e Aspromonte, ma anche Alice Volpi, Camilla Mancini e Carolina Erba), alternati alle visite al museo dell’Agora della Scherma, guidate dal direttore Giancarlo Toran. «Lo sport insegna molto - ricorda la preside Nadia Cattaneo, che rivolta agli studenti dice: «Queste emozioni le terrete per sempre».

Una giornata indimenticabile, che ha visto gli studenti presissimi. «Vogliamo investire sui giovani e avvicinarli agli sport detti minori, che sono anche costosi.

Ma non c’è sport come la scherma che sia metafora della vita» spiega il presidente della Fondazione Merlini Benedetto di Rienzo. «Sosterremo chi vuole praticare questo sport. Perché nel ’92 quando lo studente del Tosi Matteo Cazzani diventò campione mondiale juniores di scherma, parlare di sport a scuola era una bestemmia».

Entusiasta il sindaco Emanuele Antonelli: «Bellissima iniziativa».

Per non essere da meno, oggi e domani al palaYamamay l’Insubria Cup, «uno dei più grandi eventi europei di taekwondo», come fa notare il vicesindaco Stefano Ferrario, che l’ha fortemente sostenuto insieme alla Fondazione Comunitaria del Varesotto. Per il sindaco Antonelli sono iniziative che vanno nel solco della campagna #ilbellodivivereaBusto: «I numeri danno ragione a queste manifestazioni, che garantiscono un indotto e un ritorno economico importante per la nostra città».

Anche per Massimo Tosi, presidente Assb, «lo sport di Busto è da sempre nell’elite nazionale. Cercheremo di organizzare sempre qualcosa di grande di importante nella nostra città».


© RIPRODUZIONE RISERVATA