La neve porta (ancora) disagi e case al freddo. A Brusimpiano un’auto finisce nel Ceresio

La neve porta (ancora) disagi e case al freddo. A Brusimpiano un’auto finisce nel Ceresio

Black out a Veddasca e dintorni. Sulla provinciale 61 una donna “pattina” con la macchina ma non è in pericolo di vita

LUINO - Neve e disagi: Veddasca al buio e al freddo per ore, bloccata nel pomeriggio di ieri la provinciale che collega Luino a Cremenaga, una macchina caduta nel lago Ceresio e auto finite fuori strada. Il giorno più lungo per l’alto varesotto è arrivato ieri quando una consistente nevicata si è riversata su Valcuvia, Valveddasca e Valganna.

I disagi maggiori si sono registrati proprio nella zona della Veddasca a causa di un black out durato ore che ha lasciato tutta la zona, Armio, Cadero, Graglio, Lozzo e Biegno, al buio e al freddo. Migliaia di abitazioni sono rimaste senza energia elettrica sino a tarda sera. Al buio anche Monteviasco. «La nostra è una situazione al limite della sopportazione, abbiamo una fragilità di sistema che deve essere affrontata, per tutelare il servizio ai cittadini in ogni circostanza», ha commentato ieri Fabio Passera, sindaco di Maccagno con Pino e Veddasca. Gli operai Enel si sono messi immediatamente al lavoro, ma la situazione meteo non ha assolutamente aiutato a risolvere rapidamente il problema. Veddasca, lo scorso 11 dicembre, sempre a causa della neve, era rimasta al buio per 24 ore. Niente luce, niente riscaldamento, niente acqua calda con temperature decisamente molto rigide.

I vigili del fuoco ieri hanno lavorato incessantemente rispondendo a una trentina di richieste di intervento. Nella maggior parte dei casi si è trattato di rimuovere alberi o rami caduti sotto il peso della neve andando ad invadere la sede stradale e di fatto bloccando il passaggio dei mezzi. In particolare grossi disagi si sono registrati, proprio a causa della caduta di alcuni alberi, lungo la provinciale tra Luino e Cremenaga che collega il paese lacustre al confine con il Canton Ticino e a Lavena Ponte Tresa.

Il traffico in direzione di Cremenaga e Lavena Ponte Tresa è stato deviato, nonostante la neve caduta abbia creato rallentamenti anche lì, lungo la strada che collega Fornasette a Ponte Cremenaga e Ponte Tresa in Svizzera.

Traffico a passo d’uomo e auto finite fuori strada sono stati il calvario della giornata. E non sono mancati gli incidenti causati dalla neve. Il più grave a Brusimpiano lungo la strada provinciale 61. Verso le 13.30 di ieri pomeriggio una vettura guidata da una donna di 44 anni ha “pattinato” sulla neve carambolando fuori strada e finendo nel lago Ceresio. L’automobilista è riuscita ad uscire da sola dall’abitacolo capovolto ma è rimasta bloccata sulla battigia, nell’acqua gelida. I vigili del fuoco di Luino, intervenuti con gli specialisti del Saf, hanno raggiunto la quarantaquattrenne recuperandola e portandola al pontile dove è stata affidata alle cure degli operatori del 118.

La donna è stata trasportata in ospedale in codice giallo: non è in pericolo di vita. La neve dovrebbe trasformarsi in pioggia con precipitazioni che andranno a esaurirsi nella giornata di oggi. Secondo le previsioni del Centro Geofisico Prealpino dovrebbero però arrivare vento e gelo. In particolare le temperature scenderanno in picchiata da venerdì.

© RIPRODUZIONE RISERVATA