Lutto in casa Vincenzi. Addio al papà del sindaco di Cantello
Anche l’elisoccorso è intervenuto ma purtroppo non c’è stato nulla da fare

Lutto in casa Vincenzi. Addio al papà del sindaco di Cantello

Francesco, 79 anni, è scomparso ieri mattina all’ospedale di Gravedona

CANTELLO - Grave e inatteso lutto in famiglia per il presidente della Provincia e sindaco di Cantello Gunnar Vincenzi: suo padre Francesco è scomparso ieri mattina all’età di 79 anni all’ospedale di Gravedona dove era stato trasportato d’urgenza la sera prima.

Un malore improvviso, probabilmente una ricaduta di altri problemi pregressi che lo avevano colpito in passato, ha colto lunedì sera Francesco Vincenzi mentre era nella sua abitazione di Cantello. L’arrivo dei soccorsi è stato tempestivo e l’uomo è apparso subito in gravi condizioni ai sanitari del 118 che lo hanno assistito, tanto da suggerire la chiamata all’elisoccorso per un trasporto d’urgenza nella struttura ospedaliera di Gravedona, in provincia di Como, vicino a Dongo, che risultava essere il più vicino centro specializzato per quel che riguarda la neurochirurgia.

Seguito dai familiari al capezzale, purtroppo però per Francesco Vincenzi, 79 anni, non c’è stato modo di intervenire per strapparlo alla morte: ieri mattina i medici non hanno potuto fare altro che constatarne il decesso.

La triste notizia della scomparsa di Francesco Vincenzi ha colto d’improvviso anche i colleghi dell’amministrazione e i concittadini di Cantello, che pur sapendo dei problemi del papà del sindaco non si aspettavano una così repentina evoluzione verso il peggio: dal paese di cui è sindaco e da tutta la Provincia di Varese sono pervenuti nel corso della giornata di ieri al presidente Nicola Gunnar Vincenzi numerosi messaggi di cordoglio, di affetto e di vicinanza, a cui uniamo anche quelli, sentiti e sinceri, di tutta la redazione de “La Provincia di Varese”.

Anche per via delle necessità di trasporto della salma dall’ospedale di Gravedona a Cantello, ancora non si conoscono le date in cui si terranno i funerali.


© RIPRODUZIONE RISERVATA