Mercoledì 08 Ottobre 2014

« Vinco con Cantù e poi mi raso a zero

E domenica Chicco giocherà per noi»


(Foto by Varese Press)

Il fatto è che adesso la palla a due è qui: par già di vederla e di poterla toccare, par già di sentire i profumi che riempiranno l’aria, par già di sentire il cuore che batte più forte del normale. Come un martello, su nella gola: tum, tum, tum.

Per settimane s’è vissuto d’emozioni, e quelle emozioni c’erano bastate: ora si gioca, e il fatto che si giochi contro Cantù non fa che rendere tutto più drammaticamente bello. E adesso ci siamo: adesso, caro Poz, il ballo comincia per davvero.

Quanto l’ha immaginata, pensata e sognata la sera di domenica?

È sempre stata lì, nella mia testa: come qualcosa che sapevo sarebbe arrivato, prima o poi. Ho cercato di immaginarmela tante volte finché ho capito che dovevo smetterla: perché pur sforzandomi non sarei mai riuscito a visualizzarla in tutta la sua bellezza. Non sono mica un artista.

Quindi, come sarà?

Ora dirò delle cose scontate e banali. Dirò che in campo ci vanno i giocatori, che i protagonisti sono loro, che ora conta solo vincere.

Ma?

Cazzate. Saranno sensazioni forti, sarà pelle d’oca e sarà commozione da nascondere. E sapete qual è il bello?

Quale?

Che tutte queste sensazioni non le vivrò da solo. Perché io lo so che in quel preciso istante in cui mi verrà da piangere starà venendo da piangere ad altre mille, duemila persone. Lo so che sarà particolare per tanta gente e consentitemelo: tutto questo è meraviglioso. Uno sportivo è l’uomo più fortunato del mondo, non tanto per i soldi o le belle donne: no. È il più fortunato perché ha tra le mani il potere più bello che possa capitare a una persona: quello di rendere felici le altre persone. Per cui questo derby lo viviamo insieme, tutti.

Cos’ha detto ai suoi ragazzi?

Ci ha pensato il Cecco, a parlare: e, fidatevi, ha usato le parole giuste. Ha fatto capire a tutti che questa non è una settimana normale, che quella di domenica non sarà una partita normale. Ha fatto capire quello che si devono aspettare.

Poi, alle otto e mezza, palla a due: si gioca.

Purtroppo, almeno per me, palla a due e non si gioca.

Sì: preferirei giocarla questa partita, perché da giocatore certe tensioni si sfogano prima e si sfogano meglio. Starò in panchina, convinto che i miei ragazzi faranno tutto quello che devono per regalarsi, regalarmi e regalarvi questa vittoria.

In precampionato si è giocato troppo e si è vinto poco, eppure lei è sereno. Perché?

Sono clamorosamente soddisfatto di quello che siamo riusciti a diventare: come gruppo, come squadra, come uomini. Certo, avrei preferito allenarmi con più continuità e senza infortuni: ma non cambierei nulla di quello che è stato.

Proprio nulla?

No, e sapete perché? Perché non ho mai avuto paura, nemmeno per un attimo. Qui mi sento protetto, e questa cosa mi fa stare bene: perché la gente che mi sta attorno mi permette di vivere quest’avventura con l’entusiasmo che merita.

“Quest’avventura”, la chiama lei. Ma chi è stato il primo a chiamarla per dire: “Poz, vieni a Varese”?

Il Cecco. Ero a Capo d’Orlando con la squadra ed stavamo andando dal fisioterapista, ero incasinato: quindi risposi ma gli dissi “Non posso, ti richiamo”. E lui, con una voce strana, replicò: “Sì, però chiamami”. Io in quel momento capii tutto: la razionalità mi diceva che non era possibile, ma una vocina insistente ripeteva il contrario. Ripeteva che mi aveva chiamato per riportarmi a Varese.

Perché la razionalità diceva”non è possibile”?

Perché credevo che io e il Cecco fossimo troppo diversi, che avessimo idee differenti su quasi tutto, che io fossi l’ultima persona che avrebbe chiamato per allenare la sua squadra.

E invece?

E invece ora sto scoprendo un mondo diverso: sto scoprendo che siamo simili, se rapportati al mondo esterno. E che abbiamo in comune pensieri e idee che non sospettavamo di avere.

Ce ne dica una.

Entrambi abbiamo una venerazione vera e sincera per Dodo Rusconi e il suo basket. Perché lui le squadre sapeva farle giocare bene, sapeva tirare fuori quelle due o tre cose che cambiavano la vita. Parliamo spesso di lui, durante gli allenamenti e nelle riunioni tiriamo fuori situazioni e idee che erano del Dodo.

Eppure il suo rapporto con Rusconi non fu idilliaco: o no?

Abbiamo avuto degli scazzi: io avevo un’età cerebrale diversa da quella attuale, e lui è fatto a modo suo. L’ho sempre detto e lo ripeto: fosse stato un po’ meno spigoloso e intransigente avrebbe avuto una carriera grandiosa, pure da allenatore.

Facciamo un passo indietro. Alla presentazione della squadra a Palazzo Estense abbiamo visto un Pozzecco strano. Misurato, di poche parole. Quasi timoroso.

La verità è che ero sul punto di commuovermi: se fossi andato avanti a parlare anche solo altri dieci secondi mi sarei messo a piangere. E non lo volevo. Poi, ragazzi, non va mai bene nulla: se faccio lo scemo devo stare calmo, se sto sulle mie devo fare lo scemo. Il punto è un altro.

Ovvero?

Ci tengo, ci tengo da morire: e sento la pressione, anche se penso che sia normale. Non riesco a essere distaccato perché, ragazzi, io non sto allenando e basta: io sto allenando Varese. Qualunque allenatore del mondo sarebbe emozionato nel sedersi su questa panchina, figuratevi io che in questo palazzetto ho vissuto quello che ho vissuto. In più si parte contro Cantù: dobbiamo aggiungere altro?

Da uno a dieci: quanto vorrebbe vincere domenica?

Giuro che mi taglierei un mignolo, pur di vincere. Non sto scherzando, ditemi che voto fare e io lo faccio.

Niente sesso per sei mesi.

Bastardi. No, dai: poi ci rimette la mia fidanzata Tania della quale sono innamoratissimo. Facciamo che se vinco, subito dopo la partita mi raso a zero e quei pochi capelli che mi rimangono li tingo di rosso. Giuro.

Chicco Ravaglia. Quanto ci sarà di lui, domenica sera?

Non me ne vogliano quelli di Cantù: perché è vero che Ravaglia ha significato tantissimo anche per loro. Ma domenica sera, Chicco mi farà vincere. Francesco Caielli

© riproduzione riservata