Una voce di Fagnano racconta le freccette agli sportivi italiani
Giordano Reale (a sinistra) insieme a Roberto Marchesi in telecronaca per FoxSports

Una voce di Fagnano racconta le freccette agli sportivi italiani

Il campione italiano e telecronista Giordano Reale, in questi giorni, sta commentando i mondiali su FoxSports ed Eurosport della piattaforma Sky

FAGNANO OLONA - “Darts”, il fenomeno tv delle feste ha il suo “cuore pulsante” in Valle Olona. Giordano Reale, alias “Giurdo”, la voce delle freccette di Fox Sports ed Eurosport, è di Fagnano Olona. Ed è anche il campione italiano a squadre con il Dart Club Appaloosa di Solbiate Olona, uno dei club storici di questa disciplina.
Un vero «sport», per gli appassionati, che sta avendo un boom di attenzione grazie alle dirette dei campionati del mondo dei professionisti del circuito Pdc sui canali Sky. Un fenomeno televisivo che nei Paesi del Nord Europa è già un “big business”: un milione e mezzo di sterline il montepremi del World Darts Championship che ha riempito l’Alexandra Palace di Londra con migliaia di tifosi festanti.

Sangue freddo e tanti calcoli

A chi non ha dimestichezza, le regole del gioco lasciano un po’ interdetti: i campioni non mirano quasi mai al centro del bersaglio, che vale 50 punti, ma all’anello che triplica i punteggi di ciascuno spicchio. «I 180 punti (il massimo punteggio con un “set” di tre frecce, che si ottiene centrando per tre volte il “triplo 20”, ndr) li faccio anch’io, mi entrano due o tre volte ad ogni allenamento - racconta Giordano Reale - ma una chiusura con nove frecce (il minimo in assoluto per arrivare esattamente a quota 501 punti e vincere il “leg”, ndr) l’ho vista solo in tv, mentre con i miei occhi ho visto solo un “dieci frecce” di Sergio Pettarini, uno dei più forti giocatori italiani che purtroppo non c’è più. Il livello delle nostre competizioni è decisamente diverso da quello dei professionisti: all’Alexandra Palace abbiamo visto medie, le cosiddette “averages”, superiori ai 100, mentre da noi si raggiungono medie attorno ai 65, e i più forti italiani viaggiano sui 75-78».
Un altro mondo, insomma, ma “Giurdo” spera che la visibilità avuta in questi ultimi giorni dal mondo dei “darts” grazie alle dirette in prima serata su Fox Sports ed Eurosport «possa avvicinare nuovi appassionati al nostro sport delle freccette con la punta di ferro. Così potremo alzare il livello medio standard per poter fare risultati anche fuori dall’Italia».

L’Italia sta crescendo

Tra i professionisti Pdc non c’era nemmeno un italiano, mentre i nostri possono accedere ai tornei internazionali della Bdo, che è la federazione dei “dilettanti”. I mondiali Bdo sono in corso in Inghilterra in questi giorni, e questa sera (alle 18,30 su Eurosport) Giordano Reale indosserà cuffia e microfono per commentare le finali sul canale visibile sul bouquet Sky. «Sul sito della federazione, www.figf-italia.it, ci sono tutti i bar o pub dove, al prezzo di un tesseramento annuale, si può giocare a freccette - l’invito di “Giurdo” - il mio idolo? Adrian Lewis, finalista del mondiale Pdc».
Con una trentina di tesserati, il suo Dart Club Appaloosa quest’anno festeggia il venticinquesimo compleanno (nato nel 1991 a Fagnano Olona, recentemente spostatosi a Solbiate Olona, vicino alla piscina): da sempre tra i più grandi d’Italia, dove gli aderenti alla Figf, la federazione italiana delle freccette, sono in tutto circa tremila. Attualmente è campione d’Italia a squadre in carica: una competizione tipo Coppa Davis (al meglio delle nove partite, tra singoli e doppi) tra le migliori squadre delle diverse regioni, in cui il club della Valle Olona in 25 anni si è sempre qualificato alla fase finale nazionale. «Anche quest’anno siamo già primi in classifica».

© RIPRODUZIONE RISERVATA