Giovedì 04 Aprile 2013

Il varesino che reinventa l'Ikea
«Così cambio volto ai mobili»

VARESE Chi non si gongolerebbe sentendosi chiedere durante una visita di amici e parenti, «dove hai comprato quel mobile?». Avere una casa con arredi moderni, particolari ma allo stesso tempo economici e funzionali è il sogno di molti, oggi possibile grazie a il primo sito Internet in lingua italiana dedicato alle modifiche degli accessori Ikea made in Varese.
Si chiama Miaikea.com e si possono trovare idee dedicate ad ogni stanza della casa, dalla camera dei bambini alla sala da pranzo, ma anche accessori bizzarri e geniali tra cui spicca quello della lampada solare "Sunnan" trasformata in un caricatore per dispositivi usb.

L'ideatore del portale Miaikea.com è Flavio Romano, residente ad Albizzate. Flavio ha 36 anni una laurea in tasca e una passione per l'informatica. Stufo di essere un precario, Flavio sette anni fa ha deciso di lavorare all'interno dell'Ikea di Lugano. Poi, l'idea di realizzare un portale che potesse dare spazio a creatività e ingegno. Per due anni e mezzo, Flavio ha lavorato alla realizzazione di Miaikea.com on line dallo scorso 27 febbraio. Ad aiutarlo nell'impresa, la sua fidanzata, Valentina Miolo di Gallarate. In un mese, il sito web ha raggiunto 45 mila pagine visitate, settemila visitatori unici e un tempo medio di permanenza sul sito di circa 6 minuto e mezzo.

«Non mi aspettavo una tale risposta da parte dell'utenza - commenta - Per la realizzazione del portale mi sono ispirato in particolare a un sito già presente in rete: ikeahackers.net». Ispirato, perché oltre a raccogliere idee in merito a cosa la gente in giro per il mondo riesce a realizzare modificando i mobili Ikea, Flavio intende muovere intorno al sito un indotto lavorativo dando la possibilità ad artisti e artigiani interessati di realizzare delle modifiche su richiesta.

«Pensavo entro l'inizio dell'estate di creare una sezione, divisa per regioni e province, chiamata "fallo tu per me" dove gli artigiani possono offrirsi per realizzare su commissione il mobile o l'accessorio in questione - continua - Il mio sarebbe un semplice ruolo di intermediario tra chi desidera l'oggetto e chi si offre di realizzarlo, verificando la professionalità degli artigiani e artisti che si propongono». Inoltre verrà aggiunta una sezione dedicata alle aziende, ai negozi, agli uffici e ai ristoranti dove si potranno condividere idee su come arredare questi spazi con gusto, originalità e risparmiando, usando i mobili Ikea.

b.melazzini

© riproduzione riservata